Contenuto sponsorizzato

“L’ultimo anno 1917-1918". Alle Gallerie di Piedicastello la Grande Guerra in un'esposizione dal forte impatto emotivo

Questa mostra accompagna la conclusione del Centenario e gli importanti eventi che lo caratterizzano. Percorrere “L’ultimo anno” permette di rappresentare le vicende dei soldati a fianco di quelle, meno note e documentate, dei civili
DAL BLOG
Di Giuseppe Ferrandi - 02 dicembre 2017

Vive da sempre in Trentino, si occupa professionalmente di storia, pratica sport di resistenza ed è appassionato (ancora) di politica...

Eccoci a “L’ultimo anno”. Alla mostra che racconta e mette in scena la fase conclusiva della Grande Guerra combattuta sul fronte italo-austriaco.

 

Il 1917: con il prima e con il dopo Caporetto, le strategie militari, le battaglie, la linea di resistenza del Piave, le molte esperienze segnate e coinvolte direttamente nella “guerra reale” così lontana da quella celebrata e diventata memoria ufficiale, così totale.

 

Il 1918: con “l’anno della fame”, con le vittorie e le sconfitte. L’anno che conclude per sfinimento quella lunga e terribilmente moderna guerra. L’anno di Vittorio Veneto, dell’entrata dell’esercito italiano a Trento e Trieste. Con l’esito di una pace che sarà fragile e provvisoria, segnata dal carico di lutti, speranze, contraddizioni.

 

Percorrere “L’ultimo anno” permette di rappresentare le vicende dei soldati a fianco di quelle, meno note e documentate, dei civili. La guerra dell’ultimo anno è caratterizzata da comportamenti e atteggiamenti molteplici e diversificati, imposti ai singoli e alle masse dalle dinamiche di un evento storico che dopo cento anni continuiamo a chiamare “Grande”.

 

Questa mostra accompagna la conclusione del Centenario e gli importanti eventi che lo caratterizzano. Nel 2008 la sperimentazione de Le Gallerie è partita proprio con una mostra sul Trentino nella prima guerra mondiale.

 

I dieci anni trascorsi hanno permesso di uscire dalla sperimentazione, di rafforzare e di consolidare questo spazio culturale ed espositivo. La scommessa di raccontare la storia in modo innovativo e immersivo proseguirà.

“L'ultimo anno 1917 -1918” è la mostra della Fondazione Museo storico del Trentino che ripercorre l'ultima fase della Grande Guerra in Italia. Con un allestimento imponente si raccontano i due protagonisti del conflitto: i soldati e i civili, spesso a torto dimenticati.

 

La conclusione è dedicata alle donne per le quali la guerra significò lavoro e dunque emancipazione, ma anche immani tragedie, soprusi e violenze. Il visitatore è invitato ad entrare nel campo di battaglia e a conoscere i drammi che questo evento che a cent'anni di distanza continuiamo a chiamare “Grande” provocò.

 

Un'esposizione di impatto visivo ed emotivo. Un allestimento materico in tubi innocenti, con pannelli ora molto alti, ora molto vicini a formare lunghi stretti cunicoli. L'idea – o meglio la sensazione – è quella di essere dentro un campo di battaglia, con la sua disarmonia, la sua ruvidità, la sua crudezza.

 

La galleria nera, inoltre, per la prima volta si fa a più livelli con scale e passerelle su cui si sale per entrare nei settori dedicati al'assalto e alla guerra verticale. Il visitatore è quindi spinto a svolgere delle azioni fisiche che lo aiutano a comprendere e a ricordare temi e concetti che altrimenti potrebbero rimanere astratti, in qualche maniera distanti.

 

E dall'alto, può anche vedere, in una nuova prospettiva, la mostra e la galleria nera, con i suoi 3.000 metri quadrati di spazio espositivo.

Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 24 ottobre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

26 ottobre - 06:10

Da inizio ottobre i ricoveri negli ospedali sono tornati ad aumentare e nelle Rsa la situazione è drammatica. Il presidente dell'Ordine degli Infermieri spiega: "I ricoveri stanno aumentano e così anche i bisogni dei pazienti. Ci preoccupano le settimane e i mesi difficili che ci troviamo davanti perché gli infermieri sono sfiniti e provati"

25 ottobre - 20:30

Se le incertezze sono tante, tantissime, e il momento è delicato per l'emergenza Covid-19, le parole del presidente Maurizio Fugatti non aiutano a chiarire nulla o quasi. Non si capisce il senso di una conferenza stampa convocata in questo modo e di questo tenore per spiegare quanto succede in Trentino alla luce dell'ultimo Dpcm del premier Giuseppe Conte

25 ottobre - 20:07

Sono state poi registrate 12 positività tra bambini e ragazzi in età scolare e sono in corso le verifiche per procedere alla quarantena di altre classi, che attualmente riguarda 122 unità

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato