Contenuto sponsorizzato

“L’ultimo anno 1917-1918". Alle Gallerie di Piedicastello la Grande Guerra in un'esposizione dal forte impatto emotivo

Questa mostra accompagna la conclusione del Centenario e gli importanti eventi che lo caratterizzano. Percorrere “L’ultimo anno” permette di rappresentare le vicende dei soldati a fianco di quelle, meno note e documentate, dei civili
Dal blog di Giuseppe Ferrandi - 02 dicembre 2017 - 13:15

Eccoci a “L’ultimo anno”. Alla mostra che racconta e mette in scena la fase conclusiva della Grande Guerra combattuta sul fronte italo-austriaco.

 

Il 1917: con il prima e con il dopo Caporetto, le strategie militari, le battaglie, la linea di resistenza del Piave, le molte esperienze segnate e coinvolte direttamente nella “guerra reale” così lontana da quella celebrata e diventata memoria ufficiale, così totale.

 

Il 1918: con “l’anno della fame”, con le vittorie e le sconfitte. L’anno che conclude per sfinimento quella lunga e terribilmente moderna guerra. L’anno di Vittorio Veneto, dell’entrata dell’esercito italiano a Trento e Trieste. Con l’esito di una pace che sarà fragile e provvisoria, segnata dal carico di lutti, speranze, contraddizioni.

 

Percorrere “L’ultimo anno” permette di rappresentare le vicende dei soldati a fianco di quelle, meno note e documentate, dei civili. La guerra dell’ultimo anno è caratterizzata da comportamenti e atteggiamenti molteplici e diversificati, imposti ai singoli e alle masse dalle dinamiche di un evento storico che dopo cento anni continuiamo a chiamare “Grande”.

 

Questa mostra accompagna la conclusione del Centenario e gli importanti eventi che lo caratterizzano. Nel 2008 la sperimentazione de Le Gallerie è partita proprio con una mostra sul Trentino nella prima guerra mondiale.

 

I dieci anni trascorsi hanno permesso di uscire dalla sperimentazione, di rafforzare e di consolidare questo spazio culturale ed espositivo. La scommessa di raccontare la storia in modo innovativo e immersivo proseguirà.

“L'ultimo anno 1917 -1918” è la mostra della Fondazione Museo storico del Trentino che ripercorre l'ultima fase della Grande Guerra in Italia. Con un allestimento imponente si raccontano i due protagonisti del conflitto: i soldati e i civili, spesso a torto dimenticati.

 

La conclusione è dedicata alle donne per le quali la guerra significò lavoro e dunque emancipazione, ma anche immani tragedie, soprusi e violenze. Il visitatore è invitato ad entrare nel campo di battaglia e a conoscere i drammi che questo evento che a cent'anni di distanza continuiamo a chiamare “Grande” provocò.

 

Un'esposizione di impatto visivo ed emotivo. Un allestimento materico in tubi innocenti, con pannelli ora molto alti, ora molto vicini a formare lunghi stretti cunicoli. L'idea – o meglio la sensazione – è quella di essere dentro un campo di battaglia, con la sua disarmonia, la sua ruvidità, la sua crudezza.

 

La galleria nera, inoltre, per la prima volta si fa a più livelli con scale e passerelle su cui si sale per entrare nei settori dedicati al'assalto e alla guerra verticale. Il visitatore è quindi spinto a svolgere delle azioni fisiche che lo aiutano a comprendere e a ricordare temi e concetti che altrimenti potrebbero rimanere astratti, in qualche maniera distanti.

 

E dall'alto, può anche vedere, in una nuova prospettiva, la mostra e la galleria nera, con i suoi 3.000 metri quadrati di spazio espositivo.

Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.20 del 18 Ottobre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

19 ottobre - 06:01

Con l'appello si chiede la progressiva eliminazione dell'uso dei pesticidi di sintesi in agricoltura e l'istituzione di un biodistretto sull'intero territorio della regione. Sono tre i candidati presidenti che fino ad oggi hanno firmato: Antonella Valer, Filippo Castaldini e Filippo Degasperi.

18 ottobre - 20:21

In moltissimi questo pomeriggio ad accogliere Silvio Berlusconi a Trento. Toni molti duri nei confronti del Governo che "sta facendo fare brutta figura all'Italia" e verso i 5 Stelle "Che non sanno fare nulla" 

18 ottobre - 19:43

Preoccupato per le politiche nazionali che potrebbero minare l'unità dell'Europa: "Una scelta suicida affidarsi a loro perché la vostra autonomia è nata dentro l'Europa unita". Giorgio Tonini: "Salvini non ha nemmeno permesso a Fugatti di mettere il suo nome nel simbolo. Che autonomia sarà se nemmeno il governatore sarà autonomo dal governo nazionale?"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato