Contenuto sponsorizzato

Il lupo sta tornando sulle Alpi, dobbiamo essere pronti

Negli scorsi giorni 30 pecore sono stati trovate morte tra la val Venegia e passo Valles. Il pastore che le ha trovate ha detto: "Il lupo ci deve stare". Non è vero. Ci starà fintantoché l'uomo lo riterrà giusto. Per questo il suo costo deve essere sostenuto non solo dagli operatori del settore
DAL BLOG
Di Michele Lanzinger - 07 settembre 2016

Laureato in Scienze geologiche e dottore di ricerca in Scienze antropologiche il suo ambito di ricerca si riferisce al popolamento umano delle Alpi nella preistoria

Il lupo sta tornando sulle Alpi, prepariamoci. Gli inusuali eventi predatori da parte del lupo, come quello verificatosi sabato notte in Val Venegia, ci ricordano la necessità di considerare attentamente questo messaggio. Desidero ricordare peraltro che, in estrema sintesi, questo è anche il messaggio della campagna di comunicazione che il Muse sta coordinando a livello alpino nel contesto del progetto Life Wolfalps (www.lifewolfalps.eu).

 

Premesso che solo la genetica potrà dare la prova inconfutabile che le predazioni di Paneveggio siano opera del lupo, l’impatto del suo ritorno sulle attività silvo-pastorali in Trentino è una certezza che esula dai singoli fatti di cronaca. Il lupo viene percepito da allevatori e pastori come un elemento che esaspera fino all’inaccettabile un’attività che è impegnativa e messa alla prova da un mercato comunque difficile. E qui entrano in contatto, con momenti di scontro, due fattori egualmente importanti.

 

Il primo riguarda il mantenimento delle attività silvo-pastorali che costituiscono un complemento fondamentale alla permanenza dell’uomo nei contesti alpini, con le sue componenti positive di tenuta di una dimensione di paesaggio, anche culturale viene da dire, in cui la pastorizia e comunque il pascolo montano sono elementi fondamentali.

 

Il secondo interessa la ricostruzione di una struttura della biodiversità alpina che necessariamente comprende  anche gli aspetti apicali della piramide alimentare che dall’uomo sono stati eliminati nel corso dei secoli, i grandi carnivori dunque. Si tratta quindi di concorrere alla costruzione di una dimensione diversificata dell’economia alpina, affrontando il tema nelle sue diverse componenti. Tra queste, sia un metodo di conduzione delle attività pastorali più attento al rischio grandi carnivori, indubitabilmente più oneroso in termini di gestione e controllo delle greggi, sia in termini di eventuali compenso da danni, e su questo la Provincia Autonoma di Trento già opera attivamente.

 

Il lupo ci deve stare” ha dichiarato sconsolato il pastore ai media locali, nella mattina della triste scoperta dei sui 26 capi uccisi. Non è vero. Il lupo starà sulle nostre montagne finché la comunità umana lo riterrà giusto. Adesso è specie protetta, ma domani l’opinione pubblica e conseguentemente le leggi potrebbero cambiare. Per questi motivi il costo del lupo non può ricadere solo sugli operatori del settore, ma deve essere condiviso nell’ottica del mantenimento della straordinaria biodiversità alpina di cui il Trentino largamente beneficia.

Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 28 gennaio 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

29 gennaio - 05:01

L'assessore mostra di credere di più nella logica dei numeri e della quantità che in quella della qualità: ''Una destinazione turistica che ha meno di 1 milione di presenze non ha un peso specifico sufficiente per posizionarsi sul mercato mentre è da 3 milioni di presenze che abbiamo la forza per stare sul mercato da veri protagonisti''. Ma la strategia che si vuole perseguire qual è? Quella di una ''riminizzazione'' del territorio? E a Bolzano che hanno 76 enti invece che i 20 trentini sbagliano?

28 gennaio - 19:24

Approvata la mozione proposta da De Menech (Partito democratico) contro lo spopolamento della montagna: “Negli ultimi 20 anni varati dei provvedimenti per contrastare il fenomeno, ma non sono stati sufficienti. Vogliamo stimolare il governo ad aumentare l’impegno”. Il ministro: "Venerdì prossimo ci saranno gli Stati generali sulla Montagna, importante occasione per confrontarci e affrontare nodi ancora irrisolti"

28 gennaio - 18:57

La skiarea trentina di Pejo3000, la prima al mondo a mettere al bando i prodotti plastici, ha lanciato una campagna di comunicazione molto particolare: su piste e impianti sono stati collocati pannelli informativi con le frasi più celebri di molti “big” del passato per sensibilizzare gli sciatori ad abbandonare l'uso della plastica

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato