Contenuto sponsorizzato

Attività fisica aerobica e capacità cognitive: se dopo 6 mesi di esercizio si guadagnano 9 anni mentali

Centosessanta anziani, sedentari e con degrado cognitivo certificato, sono stati reclutati presso due centri. Un gruppo di partecipanti è stato sottoposto ad un programma di attività fisica aerobica per 6 mesi, comprendente riscaldamento di 10 minuti e camminata a passo sostenuto per 35 minuti per tre volte alla settimana. I risultati sono stati molto incoraggianti
DAL BLOG
Di Paolo Lupo - 07 ottobre 2019

Mi piace poter influire positivamente sulla salute delle persone con la mia attività, perché uno stile di vita sano non riduce solo il peso, ma regala anche benessere alla vita di ciascuno

Tutti sappiamo che l’attività fisica ci permette di mantenerci in forma, di mantenere tonica la nostra muscolatura e in salute le nostre articolazioni, così come è esperienza comune che a beneficiarne è anche il tono del nostro umore. Gli studiosi ci hanno anche detto che muovendoci la capacità del nostro organismo di utilizzare gli zuccheri migliora in modo importante: la sola attività fisica è il più potente ipoglicemizzante, più efficace degli stessi farmaci usati per la cura del diabete, e a giovarne sono anche pressione, cuore e vasi sanguigni.

 

Accanto alla riduzione di questo che viene definito rischio cardiovascolare, vi sono oggi insospettabili novità che riguardano una delle conseguenze più temute dell’invecchiamento e uno dei maggiori costi sociali per le famiglie e la collettività: la demenza dell’anziano. Uno studio condotto presso il Duke Aging Center e il Duke Alzheimer's Disease Research Center di Durham, nella Carolina del Nord, e pubblicato sul giornale dell’Accademia Americana di Neurologia, ha avuto come obiettivo quello di testare se gli stessi approcci preventivi validi per le malattie cardiovascolari possano dimostrarsi efficaci anche nella prevenzione del degrado cognitivo dell’anziano.

 

Centosessanta anziani, sedentari e con degrado cognitivo certificato, sono stati reclutati presso i due centri della ricerca. Un gruppo di partecipanti è stato sottoposto ad un programma di attività fisica aerobica per 6 mesi, comprendente riscaldamento di 10 minuti e camminata a passo sostenuto per 35 minuti per tre volte alla settimana. Un secondo gruppo all’attività fisica aerobica ha associato anche una dieta equilibrata per la prevenzione dell’ipertensione. Al termine dei sei mesi del programma, tutti i partecipanti sono stati sottoposti agli stessi test che avevano effettuato all’inizio dello studio, usati per identificare il loro grado di declino cognitivo.

 

Sorprendentemente, il gruppo soggetto al piano di esercizio fisico ha mostrato miglioramenti significativi nelle funzioni cerebrali e i test di controllo hanno rivelato che i maggiori miglioramenti sono stati raggiunti dai partecipanti sottoposti alla combinazione di dieta e attività fisica aerobica. Per illustrare il potenziale significato clinico di questi cambiamenti, i ricercatori hanno allora stimato i cambiamenti nell’età mentale dei partecipanti, in base alle loro prestazioni in test specifici. Se all’inizio del test tutti i soggetti - che ricordiamo lamentavano difficoltà cognitive - mostravano menti mediamente più vecchie di 28 anni rispetto alla loro età anagrafica, dopo i 6 mesi le prestazioni degli individui sottoposti a dieta ed esercizio erano migliorate considerevolmente, facendo loro guadagnare addirittura 9 anni.

 

Lo studio dimostra il potere dirompente della combinazione di uno stile di vita corretto, un’attività fisica soprattutto aerobica e una dieta sana. In questo caso possiamo proprio dire che gli stili di vita salutari portano indietro le lancette del nostro orologio biologico mentale.

Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 28 gennaio 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

29 gennaio - 05:01

L'assessore mostra di credere di più nella logica dei numeri e della quantità che in quella della qualità: ''Una destinazione turistica che ha meno di 1 milione di presenze non ha un peso specifico sufficiente per posizionarsi sul mercato mentre è da 3 milioni di presenze che abbiamo la forza per stare sul mercato da veri protagonisti''. Ma la strategia che si vuole perseguire qual è? Quella di una ''riminizzazione'' del territorio? E a Bolzano che hanno 76 enti invece che i 20 trentini sbagliano?

28 gennaio - 19:24

Approvata la mozione proposta da De Menech (Partito democratico) contro lo spopolamento della montagna: “Negli ultimi 20 anni varati dei provvedimenti per contrastare il fenomeno, ma non sono stati sufficienti. Vogliamo stimolare il governo ad aumentare l’impegno”. Il ministro: "Venerdì prossimo ci saranno gli Stati generali sulla Montagna, importante occasione per confrontarci e affrontare nodi ancora irrisolti"

28 gennaio - 18:57

La skiarea trentina di Pejo3000, la prima al mondo a mettere al bando i prodotti plastici, ha lanciato una campagna di comunicazione molto particolare: su piste e impianti sono stati collocati pannelli informativi con le frasi più celebri di molti “big” del passato per sensibilizzare gli sciatori ad abbandonare l'uso della plastica

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato