Contenuto sponsorizzato

Con obesità e sovrappeso aumentano i rischi di gravi conseguenze se si contrae il coronavirus

Lo rivela il British Medical Journal: le probabilità di soffrire di una grave infezione da coronavirus aumenta del 44% nelle persone che sono in sovrappeso e quasi del doppio in quelle che sono obese. Sebbene statisticamente si osservi questa correlazione, i meccanismi che la spiegano non sono ancora ben definiti
DAL BLOG
Di Paolo Lupo - 05 agosto 2020

Mi piace poter influire positivamente sulla salute delle persone con la mia attività, perché uno stile di vita sano non riduce solo il peso, ma regala anche benessere alla vita di ciascuno

Una delle più prestigiose riviste scientifiche, il British Medical Journal, in un suo editoriale mette in relazione l’obesità con un aumento del rischio di soffrire di gravi conseguenze in caso di infezione da coronavirus. Secondo i dati dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), già prima della pandemia di Covid-19, almeno 2,8 milioni di persone all’anno sono morte in tutto il mondo per obesità o sovrappeso come causa di malattie croniche come quelle cardiovascolari, diabete e il cancro. Sembra che a questi, negli ultimi mesi, vada aggiunto anche un aumento del rischio di morte per Covid-19.

 

Gli autori dell'articolo, ricercatori della Queen Mary University di Londra, usano i dati raccolti nel loro paese e calcolano che la probabilità di soffrire di una grave infezione da coronavirus aumenta del 44% nelle persone che sono in sovrappeso e quasi del doppio in quelle che sono obese. Sebbene statisticamente si osservi questa correlazione, i meccanismi che la spiegano non sono ancora ben definiti. Una delle possibilità è l'espressione della proteina che il virus usa come porta di ingresso nelle cellule umane e che è più abbondante nelle persone obese. Inoltre l’eccesso di tessuto adiposo può anche servire da deposito per l'accumulo di virus prima che inizi a diffondersi in altri organi.

 

"L'obesità può anche alterare la risposta immunitaria, come è stato osservato con il virus dell'influenza, indebolendo le difese del paziente e aumentando la probabilità che si verifichi una tempesta di citochine", scrivono gli autori. È proprio questa tempesta, una risposta incontrollata da parte delle difese dell'organismo al virus, una delle cause di morte nei pazienti. Un'analisi pubblicata a maggio dalla Società spagnola per lo studio dell'obesità afferma che l'obesità raddoppia il rischio di necessità di ventilazione per le persone colpite da Covid-19, ostacola il funzionamento dei polmoni e rende più difficile la ventilazione dei pazienti quando richiedono cure intensive.

 

L'editoriale del Bmj sottolinea che la diffusione dell’obesità che aggrava la pandemia virale è il risultato della vita in ambienti in cui è difficile non consumare calorie in eccesso. "L'industria alimentare produce e promuove bevande zuccherate e alimenti ultra elaborati a basso costo con molto sale, zucchero e grassi saturi che producono solo una transitoria sensazione di sazietà", sottolineano. Una riduzione delle quantità di sale, zucchero e grassi saturi "migliorerebbe la dieta dell'intera popolazione e in particolare porterebbe maggiori benefici alle persone più povere", affermano.

 

I problemi causati da Covid-19 e aggravati dall'obesità sono, secondo i ricercatori, un motivo in più per accelerare l’adozione di misure contro una pandemia – quella dell’obesità - che continuerà con ogni probabilità anche dopo quella di Covid-19.

Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.21 del 25 Settembre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

28 settembre - 11:49

Ieri altri due istituti superiori con positivi e anche un bimbo di un asilo. I contagi nelle ultime 24 ore sono 25 e quasi 1600 le persone che in Alto Adige si trovano in isolamento domiciliare 

28 settembre - 11:15

E' successo nelle prime ore di questa mattina, sulla strada statale 237. Sul posto si sono portati i vigili del fuoco di Tione, la polizia delle Giudicarie e la forestale. Per la donna tanta paura ma fortunatamente nessuna ferita grave. L'auto ha subito gravi danni  

27 settembre - 20:29

Mentre il presidente della Regione Kompatscher lavora per portare la concessione dell'autostrada nelle mani solo degli enti pubblici, da parte della giunta provinciale trentina la sensazione è che si stia remando in direzione contraria. L'ex presidente Ugo Rossi: "Fugatti ostacola la comunanza di visione tra le province. Vuole fare gli interessi dei veneti. Così rischiamo di andare alla gara"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato