Contenuto sponsorizzato

Rafforzati i principi per la difesa e la promozione dei ladini nelle valli di Fassa, Badia e Gardena,

Approvato anche con voto favorevole del M5S il disegno di legge costituzionale sui ladini. Per quanto riguarda la provincia di Bolzano, abbiamo anche rimarcato l’assurdità della nomina politica dei giudici del Tar
DAL BLOG
Di Riccardo Fraccaro - 16 novembre 2017

E' segretario alla Presidenza della Camera dei deputati, eletto in Trentino Alto Adige nel 2013 con il Movimento 5 Stelle

Ultimo passaggio a Montecitorio per il disegno di legge costituzionale sui ladini, approvato anche con voto favorevole del M5S, che ha introdotto al testo di legge importanti modifiche in senso migliorativo. Abbiamo colmato alcuni vuoti della proposta di legge e abbiamo difeso lo Statuto di autonomia dagli spregiudicati tentativi di PD e SVP di distorcere il sistema elettorale e quello della giustizia amministrativa. Per il Trentino, grande merito del M5S è quello di aver esteso la tutela della minoranza linguistica ladina nello Statuto di Autonomia, in origine prevista per i soli organi di rappresentanza della provincia di Bolzano, a quelli della Regione e della provincia di Trento.

 

Grazie al M5S sono stati rafforzati i principi per la difesa e la promozione dei ladini nelle valli di Fassa, Badia e Gardena, ma anche delle minoranze linguistiche storiche localizzate sul territorio regionale, in particolare mocheni e cimbri. Gli emendamenti a mia prima firma hanno introdotto la possibilità di svolgere sessioni straordinarie del consiglio regionale e dei consigli provinciali di Trento e Bolzano riguardanti i diritti non solo della minoranza ladina, ma anche di quelle mochena e cimbra.

 

Nel contempo, abbiamo evitato lo stravolgimento del sistema elettorale in provincia di Bolzano, annullando un emendamento che prevedeva di passare dal sistema proporzionale a un “sistema su base proporzionale” per l’elezione del consiglio provinciale dell’Alto Adige / Südtirol e per i consigli comunali della provincia di Bolzano. Sempre per quanto riguarda la provincia di Bolzano, abbiamo anche rimarcato l’assurdità della nomina politica dei giudici del TAR, facendo togliere dal testo di legge il punto che prevedeva la nomina di un giudice (sempre di nomina politica) del gruppo ladino.

 

La tutela dei diritti delle minoranze è per noi una priorità: mi auguro che queste novità introdotte nello Statuto di Autonomia siano il punto di partenza per la tutela di altre minoranze linguistiche nelle regioni limitrofe (in particolare i ladini di Cortina d’Ampezzo, Livinallongo e Colle Santa Lucia), e delle minoranze linguistiche presenti nelle altre regioni italiane. Noi non smetteremo di lavorare per assicurare a tutte le minoranze maggiore autonomia e potere decisionale, nonché strumenti per una più efficace collaborazione interregionale tra i ladini del Sella.

Ultima edizione
Edizione del 17 gennaio 2022
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
18 gennaio - 15:29
Il ristoratore bolzanino Pietro Candela è passato da condividere i post del complottismo più spinto, quelli che ''la verità non ce la dicono'', [...]
Cronaca
18 gennaio - 16:40
Sono diverse le segnalazioni che sono arrivate negli ultimi giorni e riguardano le zone del lago di Tenno, nella frazione di Ville del Monte e [...]
Cultura
18 gennaio - 13:23
L’album X2 del produttore Sick Luke conquista la classifica nazionale dalla sua uscita, il 7 gennaio scorso. Al suo interno sono raccolti brani [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato