Contenuto sponsorizzato

Il significato delle parole, la gentilezza: è una terapia reciproca del buon umore ed è necessaria per creare una vera comunità

DAL BLOG
Di Sara Conci - 03 dicembre 2023

Dovremmo imparare dai fiori

a farci strada

con gentilezza,

donando il nostro profumo

a chi incontriamo.

Oppure dalle farfalle

che volano leggere

per portare colore

nel Mondo:

è così che lo tingono di Bellezza.

E potremmo anche imparare dal Sole:

ogni giorno sorge

senza stancarsi mai,

nemmeno nei giorni più grigi,

e bacia di luce tutto ciò che incontra.

 

Si parla tanto di gentilezza, spesso la si pretende, ma non possiamo esigerla; se imparassimo a dare maggiore attenzione ai nostri piccoli passi da fare, piuttosto di guardare le azioni altrui, la cortesia diverrebbe una sana abitudine per tutti. Se ci esercitassimo ogni giorno a essere gentili con l'altro, ad aprirci verso chi incontriamo per strada, mettendo da parte i nostri malumori, potremmo scoprire quanto siamo vicini l'uno con l'altro.

 

Vi siete mai resi conto che viviamo in una società individualista? Si parla così tanto del sé e del proprio benessere, che ci dimentichiamo di chi abbiamo di fronte. E, a volte, di chi abbiamo accanto. Mai dobbiamo ritenerci più importanti di qualcuno, mai! Possiamo semplicemente porci sul medesimo piano e confrontarci attraverso l'ascolto privo di giudizio.

 

L'occidentale cresce convinto che la libertà sia il principio basilare dell'uomo, che è inseguendo la personale felicità che ci si realizza;” scrive Ilaria Imai Messina nel suo libro WA, la via giapponese all'armonia (vallardi editore): “eppure in Giappone è possibile scoprire che la gioia, quella duratura, la fa soprattutto l'ambiente in cui si vive, la comunità sconosciuta ma complice che ci accoglie.

 

E' la pulizia delle strade, il sorriso che si mostra dovunque, il garbo del contatto, la bellezza di una città curata nei suoi dettagli, l'esattezza dei mezzi, la precisione degli orari, il fatto soprattutto che – esclusi casi eccezionali – non ci si innervosisca uscendo di casa per via di sconosciuti che collidono nelle nostre vie e ci impongono la loro individualità. Siamo troppi in questo mondo, e vivere tanto vicini deve spingerci necessariamente a rivalutare il concetto di 'individualismo a tutti i costi' (che troppo spesso si traduce in una libertà sfrenata ed egoista).

 

Meglio scendere a patti con la soddisfazione del momento, meglio cedere il passo, evitare di sbuffare se qualcuno inavvertitamente ci urta, fare in modo di arrivare in tempo al lavoro così da rassicurare colleghi e clienti, non chiedere sconti ma confidare nella giustezza di un prezzo, raccogliere una cartaccia anche se non siamo stati noi a farla cadere.

 

''Solo così, nell'edificazione di una gioia generale, si può sperare di vivere bene''. Dobbiamo renderci conto che la pratica alla gentilezza condivisa è una terapia reciproca del buon umore ed è necessaria per creare una vera comunità (= insieme di persone unite tra di loro da rapporti sociali, linguistici e morali, vincoli organizzativi, interessi e consuetudini comuni) e vivere bene. Insieme.

 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
03 marzo - 09:39
A Torre Mirana, un reportage sociale a cura di 7 fotografi trentini racconta l'impegno quotidiano di oltre 700 volontari nel contrasto allo spreco [...]
Politica
03 marzo - 05:01
Dall'annuncio della premier Giorgia Meloni all'effettivo arrivo di Chico Forti in Italia potrebbero passare un paio di mesi. Ora la pratica è [...]
Cronaca
03 marzo - 07:38
L'allarme è scattato poco prima delle 3 e sul posto si sono portati i vigili del fuoco, le forze dell'ordine e i soccorsi sanitari 
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato