Contenuto sponsorizzato

BLOG. Fragole e lamponi sotto attacco, i produttori perdono il 70% della produzione

I produttori di fragole e lamponi della Valle di Cavedine, altopiano di Pinè, Val di Sole e Val di Non denunciano gravi danni provocati dall’Antonomo
DAL BLOG
Di Sergio Ferrari - 01 settembre 2018

 Laureato in Scienze Agrarie all'Università di Padova, dal 1961 al 1994 è stato docente all'Istituto Agrario di San Michele

I produttori di fragole e lamponi della Valle di Cavedine, altopiano di Pinè, Val di Sole e Val di Non denunciano gravi danni provocati dall’Antonomo.

 

Si tratta di un piccolo coleottero che con il rostro perfora i frutti rendendoli inadatti al commercio. L’insetto è presente in Trentino da diversi decenni.

 

E’ sempre stato noto e temuto per il danno prodotto dalla larva all’interno dei boccioli fiorali.

 

Da qualche anno sembra che l’insetto abbia cambiato comportamento e anche ciclo di sviluppo.

 

Al danno tradizionale sui boccioli fiorali in primavera si aggiunge quello provocato dagli adulti sui frutti maturi. Il ciclo tradizionale comprendeva una sola generazione l’anno.

 

Probabilmente a seguito della forte sostituzione della fragola unifera con varietà di fragola rifiorente che produce fiori e frutti durante tutta la stagione, l’insetto ha allungato il ciclo e sviluppa almeno una seconda generazione.

 

I tecnici della Fondazione Mach seguono la situazione già dallo scorso anno e intendono attivare un progetto di ricerca affidato ad un borsista.

 

In un’azienda di Drena il proprietario ha dovuto eliminare il 70% delle fragole.

 

Serve un finanziamento da parte dell’ente pubblico, ma sarebbe opportuna anche una partecipazione solidale anche da parte dei produttori e delle categorie di rappresentanza. 

Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.08 del 18 Settembre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

19 settembre - 05:01

Danno un esito in pochi minuti e costano molto meno dei tamponi (che però sono certamente più precisi e affidabili) ma permettono, sui grandi numeri, di andare comunque ad individuare i focolai e dalla Liguria, al Veneto e all'Alto Adige sono tanti i sistemi sanitari che si stanno spostando su questa strategia di indagine soprattutto con il riavvio delle scuole e l'autunno (e i malanni di stagione) che incombe 

18 settembre - 20:09

Rispetto a questa mattina la Pat ha corretto il dato dei nuovi positivi di oggi (non 19 ma 18) e sono stati aggiornati i dati per comune (ieri fermi forse per lo sciopero di Trentino Digitale). Ecco i dati aggiornati

18 settembre - 19:43

Oltre alla elevazione della sanzione amministrativa da 400 a 1.000 euro, è stata disposta la chiusura del locale dal 18 al 22 settembre compreso

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato