Contenuto sponsorizzato

Che fine ha fatto il bollino con l'ape che ha richiesto l'impegno di 6.000 viticoltori trentini?

Se non fosse per la Cantina di Mezzacorona che ancora espone il simbolo quello che doveva essere un marchio di qualità e garanzia è praticamente scomparso sul piano comunicativo
DAL BLOG
Di Sergio Ferrari - 24 settembre 2018

 Laureato in Scienze Agrarie all'Università di Padova, dal 1961 al 1994 è stato docente all'Istituto Agrario di San Michele

Se la Cantina di Mezzacorona non continuasse a vendere anche nei supermercati di Trento bottiglie di Teroldego Rotaliano Doc annata 2017 con un collarino recante il disegno di un’ape simbolo della certificazione SQNPI (Sistema Qualità Nazionale Produzione Integrata), pochi o nessuno ricorderebbero l’impegno richiesto a circa 6000 viticoltori trentini soci di cantine sociali aderenti a Cavit e al Consorzio Vini Trentini per gestire in tre anni consecutivi i propri vigneti rispettando un protocollo assai restrittivo, non privo di rischi di insuccesso sul piano produttivo e fitosanitario.

 

Difficile capire perché il Consorzio Vini Trentini ha riservato una campagna comunicativa intensa nel primo anno di applicazione del progetto, ridotta al minimo nel secondo anno e del tutto assente nel terzo.

Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 06 dicembre 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

06 dicembre - 19:12

Tantissimi i giovani e le famiglie che sono arrivate a Trento accogliendo la proposta del popolo delle sardine di scendere in piazza per ribadire la loro distanza da odio, rabbia e populismo

06 dicembre - 17:07

L'ex presidente della Pat ribadisce oggi la sua distanza dalla Lega di Salvini con un messaggio di solidarietà alle tante persone che tra poco si riuniranno in Piazza Dante: ''Non ci sarò perché penso loro preferiscano essere neutre politicamente. Ma faccio tanti auguri!''

06 dicembre - 11:12

Le abbondanti precipitazioni nevose delle ultime settimane hanno favorito l'inizio della stagione del letargo. Ecco quindi un orso che, sul Brenta orientale, è impegnato a raccogliere materiale vegetale per prepararsi la tana in vista del letargo

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato