Contenuto sponsorizzato

Contributi ai giovani agricoltori: c'è chi dice no. Serve un convegno per rivedere le politiche di incentivo

Paolo Dalla Valle, coordinatore del corso biennale per imprenditore agricolo da quasi tre decenni, ritiene che chiedere o concedere il premio di insediamento a giovanissimi sia inopportuno. Non è tutto oro quel che luccica
DAL BLOG
Di Sergio Ferrari - 18 ottobre 2017

 Laureato in Scienze Agrarie all'Università di Padova, dal 1961 al 1994 è stato docente all'Istituto Agrario di San Michele

Giovani che sono figli di agricoltori e decidono di continuare l’attività di famiglia dopo aver acquisito un titolo di studio adeguato o il brevetto di imprenditore agricolo frequentando il corso biennale di S.Michele o il quadriennio del professionale.

 

Giovani che, non provenendo da famiglia di agricoltori, scelgono di dedicarsi a coltivazioni marginali ma pregiate, magari biologiche, perché non hanno i soldi per acquistare grandi superfici di terreno. Giovani non più giovanissimi che, appartenendo ad una famiglia di agricoltori e/o di allevatori, decidono dopo i 30 anni, quindi in età matura, di continuare l’attività del padre che ha superato la soglia della pensione. Giovani che ereditano campagna magari acquistata da padri non agricoltori, ma facoltosi, e scelgono il settore primario per passione (raramente) o sospinti da suggestioni mediatiche.

 

Il quadro è composito, ma andrebbe analizzato a livello socioeconomico e politico per stabilire se è proprio oro quello che luccica o se vi sono incentivi e/o disincentivi da attivare. Paolo Dalla Valle, coordinatore del corso biennale per imprenditore agricolo da quasi tre decenni, sostiene l’opportunità di un convegno o di un’analisi organizzata sull’argomento. Ritiene che chiedere o concedere il premio di insediamento a giovanissimi sia inopportuno o consenta situazioni di fittizio trasferimento di responsabilità gestionali.

 

Non si può dargli torto. 

Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 23 giugno 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
23 giugno - 21:07
Una barca si è rovesciata nel lago di Caldonazzo a causa del forte maltempo che si è abbattuto su ampie porzioni del Trentino. Due persone [...]
Cronaca
23 giugno - 19:56
Chi è abituato a percorrere il viadotto dei Crozi sa che sulla vecchia strada da sempre si formano delle cascate con l'arrivo del maltempo. Ora [...]
Cronaca
23 giugno - 21:22
I due escursionisti, con una comitiva di altre 6 persone, si trovavano a quota 3.100 metri sotto le roccette di Punta Penia quando è avvenuto il [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato