Contenuto sponsorizzato

Contributi ai giovani agricoltori: c'è chi dice no. Serve un convegno per rivedere le politiche di incentivo

Paolo Dalla Valle, coordinatore del corso biennale per imprenditore agricolo da quasi tre decenni, ritiene che chiedere o concedere il premio di insediamento a giovanissimi sia inopportuno. Non è tutto oro quel che luccica
DAL BLOG
Di Sergio Ferrari - 18 ottobre 2017

 Laureato in Scienze Agrarie all'Università di Padova, dal 1961 al 1994 è stato docente all'Istituto Agrario di San Michele

Giovani che sono figli di agricoltori e decidono di continuare l’attività di famiglia dopo aver acquisito un titolo di studio adeguato o il brevetto di imprenditore agricolo frequentando il corso biennale di S.Michele o il quadriennio del professionale.

 

Giovani che, non provenendo da famiglia di agricoltori, scelgono di dedicarsi a coltivazioni marginali ma pregiate, magari biologiche, perché non hanno i soldi per acquistare grandi superfici di terreno. Giovani non più giovanissimi che, appartenendo ad una famiglia di agricoltori e/o di allevatori, decidono dopo i 30 anni, quindi in età matura, di continuare l’attività del padre che ha superato la soglia della pensione. Giovani che ereditano campagna magari acquistata da padri non agricoltori, ma facoltosi, e scelgono il settore primario per passione (raramente) o sospinti da suggestioni mediatiche.

 

Il quadro è composito, ma andrebbe analizzato a livello socioeconomico e politico per stabilire se è proprio oro quello che luccica o se vi sono incentivi e/o disincentivi da attivare. Paolo Dalla Valle, coordinatore del corso biennale per imprenditore agricolo da quasi tre decenni, sostiene l’opportunità di un convegno o di un’analisi organizzata sull’argomento. Ritiene che chiedere o concedere il premio di insediamento a giovanissimi sia inopportuno o consenta situazioni di fittizio trasferimento di responsabilità gestionali.

 

Non si può dargli torto. 

Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.21 del 25 Settembre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

27 settembre - 20:21

La diffusione del virus Comune per Comune: a Rovereto 11 casi, 8 a Trento. La Provincia di Trento maglia nera fra i territori italiani per quanto riguarda l’incidenza. Ecco la mappa dei contagi sul territorio

27 settembre - 18:22

Davide Bassi, ex rettore dell'Università di Trento, di fronte alla crescita dei contagi in Regione nelle ultime settimane, si è interrogato sulle modalità di somministrazione dei tamponi. Farne tanti è infatti sempre una garanzia di una più efficace strategia di contenimento del virus? La risposta è scettica e fa riflettere sul modo con cui la Giunta Fugatti ha comunicato in questi mesi di emergenza. "Non serve farne tanti ma alle persone giuste"

27 settembre - 19:55

Continuano a crescere in Alto Adige i casi di strutture scolastiche e per l'infanzia costrette a chiudere per l'insorgenza di contagiati tra gli alunni. Dopo i due nuovi positivi riscontrati in due istituti superiori di Bressanone e la chiusura per 2 settimane del Gandhi di Merano, anche l'asilo Moos di Sesto dovrà chiudere i battenti per la sanificazione. 13 i bambini in isolamento, assieme al personale della materna

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato