Contenuto sponsorizzato

Controcorrente per la riproduzione

La presenza di ostacoli naturali o costruiti dall’uomo lungo il corso dei torrenti impedisce la risalita delle trote verso acque non inquinate per la deposizione delle uova
Dal blog di Sergio Ferrari - 14 ottobre 2018 - 20:31

La presenza di ostacoli naturali o costruiti dall’uomo lungo il corso dei torrenti impedisce la risalita delle trote verso acque non inquinate per la deposizione delle uova.

 

Per facilitare il superamento degli ostacoli, i tecnici del Servizio bacini montani hanno realizzato scale di rimonta in cemento e scatoloni trasversali fatti dello stesso materiale.

 

In alternativa a questi facilitatori di risalita, i tecnici hanno provveduto in alcuni casi a collocare alla base degli ostacoli massi di grandi dimensioni accatastati in modo da creare delle fontanelle intercomunicanti disposte in senso verticale all’interno delle quali le trote possono muoversi procedendo gradualmente verso l’alto.

 

Esemplare è l’intervento compiuto sul primo tratto del torrente Sarca.

 

La specie di trota che risale questo torrente è la Lacustre, tipica ed esclusiva del lago di Garda.

 

La risalita ha luogo nei mesi autunnali quando il fotoperiodo si abbassa insieme alla temperatura dell’acqua. 

Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 16 agosto 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

19 agosto - 14:25

L'avventura con la loro società è iniziata circa tre anni fa. I due giovani della Vallagarina, Mattia Cristoforetti e Giovanni Tava, hanno macinato moltissimi successi ed  hanno deciso di utilizzare il loro lavoro anche per aiutare i bambini. Per questo è iniziata la collaborazione con la fondazione Tog per la cura e la riabilitazione dei bambini con gravi patologie neurologiche

19 agosto - 16:01

Gettatosi da una falesia alta 10 metri a Torre dell'Orso, nel leccese, un giovane trentino si è lesionato la zona cervicale. Trasportato immediatamente all'ospedale Vito Fazzi di Lecce, si attende di capire che danni possa aver riportato. Cauti i medici 

19 agosto - 06:01

Pubblichiamo in esclusiva dei dati molto significativi sul reale andamento della struttura della Val di Fiemme che smentiscono molto di quanto sentito sino ad oggi. Nel punto nascite si è eseguito nel 25% dei casi il taglio cesareo quando non ci sono emergenze e per  l'Organizzazione Mondiale della Sanità un tasso superiore al 15% è indicativo di ''un uso inappropriato della procedura'' motivato da ''carenze organizzative, medicina difensiva, (...) scarso supporto alla donna da parte del personale sanitario nel percorso di accompagnamento alla nascita''

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato