Contenuto sponsorizzato

Formaggi da latte crudo, ecco le norme igieniche da rispettare

L’evidenza data dai media del Trentino alla malattia e al caso clinico di cui è rimasto vittima un bambino di 4 anni ha suscitato non solo attenzione e interesse, ma anche allarmismo che le autorità veterinarie ritengono esagerato
Dal blog di Sergio Ferrari - 11 febbraio 2018 - 21:02

In tempi recenti si è scoperto che all’Escherichia coli, batterio comunemente considerato indice di mancato rispetto delle norme igieniche nella preparazione di alimenti, si affiancano, seppure in quantità minore, ben cinque ceppi denominati enteropatogeni.

 

Quello indicato con la sigla 0157 giunto nell’intestino dei bambini che hanno bevuto latte o mangiato formaggio fresco prodotto con latte crudo può aderire alle mucose e liberare una tossina che causa la sindrome emolitica uremica, in sigla SEU che colpisce i reni e ne altera la funzione filtrante.

 

L’evidenza data dai media del Trentino alla malattia e al caso clinico di cui è rimasto vittima un bambino di 4 anni ha suscitato non solo attenzione e interesse, ma anche allarmismo che le autorità veterinarie ritengono esagerato.

 

Da Vittorio Dorigoni, medico veterinario dell’Ufficio provinciale per il controllo qualità dei servizi prestati dall’agenzia sanitaria, si apprende che i casi di sindrome uremica sono stati 4 nel 2017, 1 nel 2016 e 3 nel 2015.

 

Nei tre anni l’organizzazione sanitaria provinciale ha promosso corso di informazione e predisposto materiale di aggiornamento per gli addetti alla lavorazione di latte e formaggi nei caseifici sociali e soprattutto nelle casere di malga. 

Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 15 novembre 2018
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

17 novembre - 12:39

Il commissario Bertuol ha convocato l'assemblea dei soci con all'ordine del giorno l'elezione delle cariche sociali. Federcoop e assessorato valutano di allungare i tempi del commissariamento in attesa che la magistratura arrivi alla conclusione delle indagini preliminari

16 novembre - 23:12

A dare l'allarme la donna. Per alcune ore si è pensato che l'uomo potesse essere asserragliato all'interno della sua abitazione e quindi la frazione di Costa è stata completamente isolata e sul posto è stato mandato anche il negoziatore

17 novembre - 12:35

E' successo due giorni fa sulla linea 6. L'uomo ha finto di obliterare un ticket già utilizzato più volte. L'autista se n'è accorto e ne è nata una lite

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato