Contenuto sponsorizzato

Formaggi da latte crudo, ecco le norme igieniche da rispettare

L’evidenza data dai media del Trentino alla malattia e al caso clinico di cui è rimasto vittima un bambino di 4 anni ha suscitato non solo attenzione e interesse, ma anche allarmismo che le autorità veterinarie ritengono esagerato
DAL BLOG
Di Sergio Ferrari - 11 febbraio 2018

 Laureato in Scienze Agrarie all'Università di Padova, dal 1961 al 1994 è stato docente all'Istituto Agrario di San Michele

In tempi recenti si è scoperto che all’Escherichia coli, batterio comunemente considerato indice di mancato rispetto delle norme igieniche nella preparazione di alimenti, si affiancano, seppure in quantità minore, ben cinque ceppi denominati enteropatogeni.

 

Quello indicato con la sigla 0157 giunto nell’intestino dei bambini che hanno bevuto latte o mangiato formaggio fresco prodotto con latte crudo può aderire alle mucose e liberare una tossina che causa la sindrome emolitica uremica, in sigla SEU che colpisce i reni e ne altera la funzione filtrante.

 

L’evidenza data dai media del Trentino alla malattia e al caso clinico di cui è rimasto vittima un bambino di 4 anni ha suscitato non solo attenzione e interesse, ma anche allarmismo che le autorità veterinarie ritengono esagerato.

 

Da Vittorio Dorigoni, medico veterinario dell’Ufficio provinciale per il controllo qualità dei servizi prestati dall’agenzia sanitaria, si apprende che i casi di sindrome uremica sono stati 4 nel 2017, 1 nel 2016 e 3 nel 2015.

 

Nei tre anni l’organizzazione sanitaria provinciale ha promosso corso di informazione e predisposto materiale di aggiornamento per gli addetti alla lavorazione di latte e formaggi nei caseifici sociali e soprattutto nelle casere di malga. 

Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 26 novembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

27 novembre - 18:52

Gli affari non girano nemmeno con le promozioni messe in campo con il "Black Friday" e tanti negozianti trentini si trovano in difficoltà. "Le persone hanno paura, non sono serene nel fare gli acquisti e questo sta avendo delle conseguenze disastrose su tutto il tessuto economico" ci dicono 

27 novembre - 19:40

Anche oggi, come quasi sempre negli ultimi giorni, si è verificato il sorpasso dei guariti rispetto ai nuovi contagiati trovati 

27 novembre - 18:46

Il presidente ha spiegato che, non domani, ma sabato 5 dicembre potrebbero tornare aperti i negozi e i centri con metratura superiore ai 240 metri quadri e sulle seconde case: ''A Natale dovrebbe essere tutta Italia zona gialla e quindi se la legge resta questa si potrà circolare tra le regioni''

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato