Contenuto sponsorizzato

Gli spumanti Ferrari sono la star alla Triennale di Milano ma tutto il Trento Doc è in crescita

Il successo alla Triennale è l’epilogo di una prima conquista che risale al 1906, quando Giulio Ferrari precursore della spumantistica trentina classica  vinse la prima medaglia d’oro internazionale con il suo Imperial Brut
Dal blog di Sergio Ferrari - 10 marzo 2019 - 21:26

In occasione della 22° edizione della Triennale di Milano inaugurata il 28 febbraio le Cantine Ferrari Spumante hanno confermato con la messa a disposizione dei due migliori prodotti Maximum Brut e Maximum Rosè degustati dai partecipanti alla cerimonia la supremazia già conquistata in occasione dell’Expò 2015.

 

L’eccellenza qualitativa è fuori discussione. Si tratta di una preferenza conquistata con una paziente strategia promozionale portata avanti con continuità.

 

Il successo alla Triennale è l’epilogo di una prima conquista che risale al 1906, quando Giulio Ferrari precursore della spumantistica trentina classica  vinse la prima medaglia d’oro internazionale con il suo Imperial Brut.

 

Le oltre 50 ditte che producono Trentodoc rimangono a fare da sfondo, seppure con onore, di un comparto in continua crescita. Il distacco evidente tra grandi e piccoli produttori non si verifica in Franciacorta

Potrebbe interessarti anche
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 21 marzo 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

21 marzo - 20:12

Venerdì una serata aperta alla cittadinanza dedicata a ''Genere, educazione, pluralità'' e, nel pomeriggio, appuntamento con la Cgil in piazza Dante. Il 30 marzo tutti a Verona per il corteo di Non una di meno

21 marzo - 18:37
Le indagini partono poco più di due mesi fa, quando gli agenti pizzicano un veicolo di proprietà di un comune della Val Rendena e condotto da un dipendente di Tione mentre compie una violazione alla segnaletica stradale. Gli accertamenti però mettono in luce un quadro pesante per l'uomo tra truffa, peculato e falsa attestazione di servizio
21 marzo - 20:01

I due giovani si trovavano in un tratto di pista molto ripida.  Il Soccorso alpino gli ha fatto calzare le racchette da neve e sono stati accompagnati, con l'ausilio di una corda, a valle fino alla motoslitta

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato