Contenuto sponsorizzato

Ha radici antiche il taglio della coda dei suini

 L’argomento è stato trattato nell’ambito di un corso di aggiornamento sul benessere degli animali in allevamento promosso dall’ordine dei medici veterinari del Trentino
Dal blog di Sergio Ferrari - 30 ottobre 2018 - 17:28

Il taglio della coda dei suini deve essere eseguito correttamente per evitare infezioni. L’argomento è stato trattato nell’ambito di un corso di aggiornamento sul benessere degli animali in allevamento promosso dall’ordine dei medici veterinari del Trentino.

 

Il suo inserimento nel programma didattico può sembrare estemporaneo perché gli allevamenti industriali di suini in Trentino sono solo 4 e il taglio della coda non è necessario negli ormai rari casi di allevamento di suini a livello familiare.

 

A cavallo fra l’800 e il ‘900 sotto l’Impero Austroungarico la competenza veterinaria era ripartita tra un veterinario distrettuale e tecnici veterinari di territorio. Il veterinario distrettuale era responsabile della prevenzione di malattie infettive negli allevamenti domestici e nel controllo delle malattie che potevano essere trasmesse all’uomo.

 

Ai veterinari di territorio erano invece affidati gli interventi nelle stalle che riguardavano: taglio della coda e delle orecchie dei suini, castrazione dei suini maschi per togliere l’odore marcato nella carne, taglio dei denti di maschi e femmine negli allevamenti di suini da riproduzione, pareggiamento e cura degli unghioni nei bovini

Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 18 maggio 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

20 maggio - 12:02

La candidata annuncia una "doppia rivoluzione copernicana'' per un'Unione che veda ''l'Italia protagonista'' e ''al centro l'uomo''. Appello alle donne: ''Siate protagoniste, nonostante i sensi di colpa al femminile''

20 maggio - 11:49

Un cucciolo di orso è stato avvistato lungo la strada statale 45 bis della Gardesana all'altezza del bivio per la provinciale 84 poco lontano dall'abitato di Padergnone. L'arteria è rimasta chiusa diverse ore in attesa dell'arrivo della mamma

20 maggio - 06:01

E' dal 2009 che le coltivazioni di piccoli frutti registrano danni gravi e crescenti per il costante aumento di questo dittero. A fine anno in Svizzera potrebbe partire una sperimentazione che prevede l'utilizzo di un parassitoide per fronteggiare il moscerino della frutta. A Roma un documento si muove lentamente. Dallapiccola: "Avranno preso contatti con il governo 'amico' per accelerare?"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato