Contenuto sponsorizzato

Incentivi a chi usa le forbici per le mele Fuji in Alto Adige

Una cooperativa di Terlano invita ad utilizzare la forbice nella raccolta di questa varietà di mela per evitare danni da punture causate dal picciolo con conseguente insorgenza di marciumi
DAL BLOG
Di Sergio Ferrari - 24 settembre 2017

 Laureato in Scienze Agrarie all'Università di Padova, dal 1961 al 1994 è stato docente all'Istituto Agrario di San Michele

“Frutta e vite”, rivista specializzata del Centro di consulenza per la frutti-viticoltura dell’Alto Adige nel numero di luglio-agosto 2017 riporta un articolo intitolato “La raccolta di Fuji con la forbice”. L’autore Thomas Zublasing, riferisce che la cooperativa Frubona di Terlano, prima in Alto Adige, ha sollecitato i propri associati a utilizzare la forbice nella raccolta di questa varietà di mela per evitare danni da punture causate dal picciolo con conseguente insorgenza di marciumi.

 

Chi segue il consiglio riceve un incentivo in denaro che tiene conto dell’aumento del prezzo presumibile al momento della vendita. Questa pratica non è applicata in Trentino. Lo conferma un frutticoltore della Val di Non che coltiva la Fuji nel comune catastale di Castelfondo.

 

La buccia delle mele Fuji è spessa e resistente, dice il frutticoltore. Opinioni a parte, va tenuto presente che in Alto Adige non si fanno interventi innovativi senza ragione veduta, soprattutto se sostenuti dagli esperti della Stazione agraria di Laimburg. 

Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.58 del 03 Marzo
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

04 March - 05:01

Nei giorni scorsi è avvenuta la chiusura di Gaudì, uno dei principali negozi di abbigliamento in centro storico a Trento. Ma ci sono anche altre catene, di abbigliamento e arredamento, che potrebbero essere pronte a fare le valige nei prossimi mesi. Massimo Piffer: ''Non dobbiamo abbandonare la piazza, i rapporti umani e i confronti. Abbiamo bisogno di una riprogrammazione urbanistica commerciale''

03 March - 20:14

Ecco il quadro odierno del contagio in Trentino. Due i decessi avvenuti in provincia con Covid: si tratta di un uomo e una donna

03 March - 19:30

Protagonista di un incidente che sarebbe potuto finire in tragedia, già nel pomeriggio di mercoledì 3 marzo "l'uomo con il carrello" è stato visto a Pergine, città che, nonostante le denunce e gli interventi delle autorità, pare "tenere in scacco". Il sindaco Oss Emer: "Abbiamo provato di tutto. Ci deve essere un buco normativo"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato