Contenuto sponsorizzato

La notorietà paga e una catena di supermercati del Trentino ha acquistato 150 quintali di noci del Bleggio

Sono due gli insetti che attaccano le noci nel corso della stagione. La presenza di entrambe le specie quest’anno è stata molto ridotta probabilmente per cause legate all’andamento climatico
DAL BLOG
Di Sergio Ferrari - 11 dicembre 2020

 Laureato in Scienze Agrarie all'Università di Padova, dal 1961 al 1994 è stato docente all'Istituto Agrario di San Michele

Sono due gli insetti che attaccano le noci nel corso della stagione. Alla carpocapsa si aggiunge la mosca delle noci.

 

Da Marino Gobber, tecnico della Fondazione Mach, si apprende che il tipo di danno causato dalle due specie (appartenenti rispettivamente all’ordine dei Lepidotteri e dei Ditteri) è diverso. L

 

a larva della carpocapsa entra nel frutto ancora in fase di formazione perforando il guscio per nutrirsi del gheriglio che rappresenta la parte edule del frutto.

 

Quella della mosca si limita a nutrirsi dei tessuti del mallo (parte verde che circonda il frutto). La ferita provoca per reazione la secrezione da parte del mallo di tannini che possono formare delle piccole macchie nere all’esterno della noce. La parte interna non è mai raggiunta dalla larva.

 

La presenza di entrambe le specie quest’anno è stata molto ridotta probabilmente per cause legate all’andamento climatico. La notorietà delle noci del Bleggio (Bleggiana, Franquette e Lara) è confermata dal fatto che il rappresentante di una importante catena di supermercati del Trentino si è recato nel comune del Bleggio Superiore per acquistare 150 quintali di noci.

Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 18 gennaio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

19 gennaio - 11:22

C'è un peggioramento per quanto riguarda la situazione negli ospedali. Oltre 7 mila test eseguiti in 24 ore tra tamponi molecolari e test antigenici. Sono 526 le vittime nella seconda ondata 

19 gennaio - 05:01

Antonio Ferro ha spiegato che una persona dopo aver ricevuto la prima dose ha registrato delle "parestesie" poi rientrate. Il direttore: "I benefici della vaccinazione sono senz'altro più importanti e rilevanti rispetto alle controindicazioni"

19 gennaio - 10:56

L'Argentina è stata colpita da un forte sisma pochi minuti prima della mezzanotte di ieri. Le scosse di magnitudo 6.8 sono state sentite in molte provincie della nazione e in Chile. Per ora si contano solamente tre feriti, oltre che i danni materiali a strade ed edifici

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato