Contenuto sponsorizzato

La scarsità di miele del 2019 ha fatto aumentare quello importato dall'estero

C’è quindi il pericolo che arrivino anche in Trentino mieli non sufficientemente controllati e garantiti per qualità ma soprattutto sotto il profilo salutistico
DAL BLOG
Di Sergio Ferrari - 07 gennaio 2020

 Laureato in Scienze Agrarie all'Università di Padova, dal 1961 al 1994 è stato docente all'Istituto Agrario di San Michele

La scarsità di miele prodotto nella stagione 2019 non solo in Trentino ma anche in Italia e nei vari Paesi europei ha fatto aumentare il flusso di miele importato dall’estero.

 

C’è quindi il pericolo che arrivino anche in Trentino mieli non sufficientemente controllati e garantiti per qualità ma soprattutto sotto il profilo salutistico.

 

La semplice dicitura “mieli comunitari” e/o “mieli extracomunitari”, dice Marco Facchinelli, apicoltore professionale e presidente dell’Associazione apicoltori trentini, non è sufficiente.

 

Anche perché nell’etichetta non è indicata la percentuale di mieli provenienti da diverse fonti nettarifere.

 

La via più sicura è l’acquisto da apicoltori conosciuti e fidati.

 

A chi acquista miele nei supermercati può essere di guida nella scelta il prezzo che cresce con la qualità.

Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 15 ottobre 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
18 ottobre - 18:02
E' successo sotto la cima del monte Bedolè, sopra l'abitato di Fiera di Primiero: il boscaiolo è rimasto ferito ad un arto inferiore mentre stava [...]
Cronaca
18 ottobre - 18:37
Il tamponamento di un’autovettura ferma in galleria Cà Fusa tra Breganze e lo svincolo per l’A31 Valdastico ha causato l’investimento [...]
Cronaca
18 ottobre - 13:50
Sono state ben cinque le patenti ritirate dai carabinieri per guida in stato di ebrezza: “​Qualcuno probabilmente non era nemmeno nelle [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato