Contenuto sponsorizzato

La trota gigante di Santa Giustina? Non è una rarità

Altri esemplari della stessa specie e in altri laghi e fiumi, anche del Trentino, hanno raggiunto peso e dimensioni simili, se geneticamente predisposti alla crescita elevata e se trovavano cibo a sufficienza
DAL BLOG
Di Sergio Ferrari - 15 febbraio 2018

 Laureato in Scienze Agrarie all'Università di Padova, dal 1961 al 1994 è stato docente all'Istituto Agrario di San Michele

La trota marmorata di 18 chili catturata nel lago artificiale di Santa Giustina (Qui articolo) non è una rarità.

 

Altri esemplari della stessa specie e in altri laghi e fiumi, anche del Trentino, hanno raggiunto peso e dimensioni simili, se geneticamente predisposti alla crescita elevata e se trovavano cibo a sufficienza.

 

Questo afferma Leonardo Pontalti, ittiologo dell’Ufficio faunistico della Provincia di Trento.

 

Nel lago di Santa Giustina, dice l’esperto, si trovano grandi quantità di Cinipidi rappresentati dai cavedani, ma anche di Rutili.

 

A questa famiglia appartiene la specie denominata leucisco rosso. Un esemplare di quelle dimensioni arriva a mangiare anche pesci grandi un terzo della sua lunghezza. 

Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 05 marzo 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

04 aprile - 19:55

Il presidente in conferenza stampa ha detto che per lui da lunedì si parte ma mentre Kompatscher e Zaia prima hanno distribuito i dispositivi e poi hanno fatto l'ordinanza in Trentino ancora manca tutto. E se nelle farmacie le mascherine scarseggiano il paradosso è che i guanti si potrebbero comprare proprio nei supermercati che, però, domani sono chiusi e lunedì non dovrebbero più essere frequentati senza i guanti

04 aprile - 19:38

Le vittime negli ospedali del sistema trentino sono 3 donne e 3 uomini. Sono 1.601 le persone in isolamento domiciliare, 151 in Rsa mentre i casi complessivi riguardano 741 persone, 151 nelle case di cura e 14 in strutture intermedie. Sono 301 i pazienti ricoverati senza ventilazione, 52 in semi-invasiva e 81 in ventilazione invasiva

04 aprile - 19:01

Si tratta di un gruppo di analisi di scenario e un gruppo tecnico operativo per mettere in campo misure concrete sul breve periodo per dare "ossigeno" a chi ne ha bisogno e impostare una manovra di medio-lungo periodo, che inizi a guardare al "dopo" quindi ad uno scenario che abbracci almeno i prossimi 12-24 mesi. Ecco chi sono i 15 nomi scelti

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato