Contenuto sponsorizzato

Lucaniche fatte in casa, una tradizione centenaria ma attenzione alle regole

Nei mesi di dicembre e gennaio gli allevatori di maiali a livello familiare procedono alla macellazione dell'animale e alla successiva lavorazione della carne. Una tradizione che si passa di generazione in generazione ma ci sono alcune regole da rispettare
DAL BLOG
Di Sergio Ferrari - 06 January 2020

 Laureato in Scienze Agrarie all'Università di Padova, dal 1961 al 1994 è stato docente all'Istituto Agrario di San Michele

Nei mesi di dicembre e gennaio gli allevatori di maiali a livello familiare (ne sono rimasti circa 600) procedono alla macellazione dell’animale e alla successiva lavorazione delle parti utilizzate per la produzione casalinga di lucaniche od altri tipi di insaccati.

 

In base alla vigente normativa l’allevatore deve segnalare in tempo utile la macellazione al comune di residenza. Il sindaco trasmette le comunicazione al veterinario di zona che deve assistere alla macellazione e prelevare un campione di carne per la ricerca in laboratorio dell’eventuale presenza di Trichinella spiralis. Si tratta di un minuscolo verme che si insedia nella carne dell’animale ma che può essere trasmesso anche all’uomo.

 

Per la successiva lavorazione non è richiesta nessuna denuncia e non sono previsti controlli di tipo sanitario.

Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 23 gennaio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

25 January - 13:34

Una questione che prosegue da ormai diversi anni. Mentre la Provincia di Trento è riuscita a portare avanti l'apertura della strada fino al confine con il Veneto, arrivando a circa 3 chilometri dal rifugio, dall'altro la Provincia di Vicenza, non ha provveduto a fare l'intervento per i chilometri di sua competenza

25 January - 11:48

Numeri del contagio in crescita in Alto Adige, dove nelle ultime 24 ore si registrano 200 nuovi positivi e 4 decessi. Cresce l'indice contagi/tamponi, così come tutti i numeri negli ospedali. Le vittime da inizio pandemia salgono a 845, 551 solamente da settembre

25 January - 05:01

Un punto appare fermo: la data del 15 febbraio è un po' l'ultima chiamata. L'inverno è compromesso da tempo e siamo già ai tempi supplementari di una stagione mai partita. Un discrimine forte potrebbe poi essere quello della mobilità: "Si deve distinguere tra turismo e servizio alla collettività. Persi circa 30 milioni di euro solo per la società impianti''

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato