Contenuto sponsorizzato

Lucaniche fatte in casa, una tradizione centenaria ma attenzione alle regole

Nei mesi di dicembre e gennaio gli allevatori di maiali a livello familiare procedono alla macellazione dell'animale e alla successiva lavorazione della carne. Una tradizione che si passa di generazione in generazione ma ci sono alcune regole da rispettare
DAL BLOG
Di Sergio Ferrari - 06 gennaio 2020

 Laureato in Scienze Agrarie all'Università di Padova, dal 1961 al 1994 è stato docente all'Istituto Agrario di San Michele

Nei mesi di dicembre e gennaio gli allevatori di maiali a livello familiare (ne sono rimasti circa 600) procedono alla macellazione dell’animale e alla successiva lavorazione delle parti utilizzate per la produzione casalinga di lucaniche od altri tipi di insaccati.

 

In base alla vigente normativa l’allevatore deve segnalare in tempo utile la macellazione al comune di residenza. Il sindaco trasmette le comunicazione al veterinario di zona che deve assistere alla macellazione e prelevare un campione di carne per la ricerca in laboratorio dell’eventuale presenza di Trichinella spiralis. Si tratta di un minuscolo verme che si insedia nella carne dell’animale ma che può essere trasmesso anche all’uomo.

 

Per la successiva lavorazione non è richiesta nessuna denuncia e non sono previsti controlli di tipo sanitario.

Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 25 gennaio 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

27 gennaio - 18:58

Gli studenti della classe terze dell'Arcivescovile  hanno scritto una lettera alla senatrice a vita per chiederle dei consigli su come affrontare i messaggi, d'odio sempre più frequenti nel mondo d'oggi. Dopo due settimane è arrivata la risposta di Liliana Segre 

27 gennaio - 12:31

Il leader carismatico della Lega ha provato il tutto per tutto in queste settimane di campagna elettorale cercando di raccattare anche l'ultimo voto tra citofoni, accuse di spaccio a negozianti, felpe di piloti morti, retorica del dolore (con Bibbiano che lo ha ripagato votando al 40% per il solo Pd). Ha schierato parlamentari e amministratori (anche trentini compreso il presidente della Provincia Fugatti), scattato e fatto scattare migliaia di selfie ma alla fine la gente ha riempito le urne 

27 gennaio - 15:50

Sabato scorso è arrivata da Roma la richiesta di istituire a livello locale una task force di coordinamento delle attività che si faccia carico, tra l'altro, anche della comunicazione relativa all’emergenza

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato