Contenuto sponsorizzato

Miele solo per il nido per l'arnia australiana: secondo anno senza estrazione "brevettata"

Lo scorso anno l’andamento climatico non aveva consentito la produzione di miele. Valeria Malagnini, che segue l’esperimento, dice che il mancato deposito di miele nella parte superiore dell’arnia può essere dovuto a produzione non esuberante
DAL BLOG
Di Sergio Ferrari - 22 settembre 2017

 Laureato in Scienze Agrarie all'Università di Padova, dal 1961 al 1994 è stato docente all'Istituto Agrario di San Michele

E’ riuscita per il secondo anno solo a metà la prova di funzionamento dell’arnia australiana acquistata da un apicoltore trentino per 600 euro e affidata all’Unità Apicoltura della Fondazione Mach per la conferma del buon funzionamento. Lo scorso anno l’andamento climatico non aveva consentito la produzione di miele.

 

Quest’anno la famiglia era fin dall’inizio in buone condizioni. Le api hanno depositato miele nel melario che fa parte del nido, ma non nel melario superiore di riserva che consente l’estrazione dall’esterno mediante un meccanismo brevettato.

 

Valeria Malagnini, che segue l’esperimento, dice che il mancato deposito di miele nella parte superiore dell’arnia può essere dovuto a produzione non esuberante. La prova continuerà comunque nel 2018.  

Ultima edizione
Edizione del 20 gennaio 2022
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
20 gennaio - 19:59
Trovati 2.669 positivi, 3 decessi nelle ultime 24 ore. Registrate 2.449 guarigioni. Sono 165 i pazienti in ospedale. Tutti i Comuni sul [...]
Cronaca
20 gennaio - 20:40
"La mafia quando arriva in un territorio ne uccide la bellezza e anche le relazioni'' spiega a ilDolomiti l'avvocata e vicepresidente nazionale di [...]
Cronaca
20 gennaio - 18:36
La tragedia è avvenuta al lago di Santa Giustina. Vani i tentativi dei soccorsi. Fatale un malore per Marco Widmann di 65 anni
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato