Contenuto sponsorizzato

Possibile un'invasione di cavallette anche in Trentino?

La risposta arriva Paolo Fontana ricercatore della Fondazione Mach che durante i 16 anni trascorsi presso l’Istituto di Entomologia agraria dell’Università di Padova si è occupato attivamente di cavallette partecipando a missioni scientifiche o di soccorso in diversi Paesi del mondo
Dal blog di Sergio Ferrari - 14 giugno 2019 - 19:36

E’ possibile che un’invasione di cavallette simile a quella che si sta registrando in Sardegna possa verificarsi anche nel nord Italia e quindi anche in Trentino? Risponde Paolo Fontana ricercatore della Fondazione Mach che durante i 16 anni trascorsi presso l’Istituto di Entomologia agraria dell’Università di Padova si è occupato attivamente di cavallette partecipando a missioni scientifiche o di soccorso in diversi Paesi del mondo. Invasioni di grande portata si sono verificate nel Veneto qualche secolo fa, ma è improbabile che si ripetano.

 

Danni da cavallette in zone circoscritte e provocate da specie diverse da quella che sta interessando la Sardegna sono stati rilevati anche in anni recenti sui monti Lessini in Valpolicella. La specie al centro dell’attuale invasione che interessa 2000 ettari di terreni incolti e abbandonati della Sardegna si chiama Dociostaurus maroccanus.

 

Attribuire l’invasione ai cambiamenti climatici è riduttivo. Si sa che nella zona interessata era stato introdotto un coleottero predatore delle uova che vengono deposte nel terreno (grillare). Difficile stabilire la causa della improvvisa esplosione numerica della popolazione. Le cavallette possono attraversare fasi di vita solitaria e fasi di vita gregaria che si alternano con periodicità non sempre prevedibile.

Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 24 agosto 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

25 agosto - 12:17

In Italia ogni anno si denuncia la scomparsa di migliaia di persone. Nel 75% dei casi vengono rintracciate, ma dal 1974 ad oggi sono quasi 60mila i soggetti svaniti nel nulla. In maggioranza minorenni stranieri, le scomparse coinvolgono anche anziani malati e minorenni in conflitto con la famiglia. L'allontanamento volontario è la causa principale

24 agosto - 21:42

Il maltempo ha costretto a cancellare l'uscita all'Acropark e al mini-golf in calendario per venerdì 23 agosto, così i coordinatori non si sono persi d'animo, anzi hanno avuto l'intuizione e la prontezza di cambiare piano nel giro di pochi minuti. Vadagnini: "Un'iniziativa semplice che però può essere molto formativa"

25 agosto - 06:01

Lettera aperta di cittadini e satini all'assessore all'ambiente. Progetto costoso, inutile e dannoso, che avvantaggia un'azienda privata, scrivono i firmatari. "Ridiscutiamo il tutto, per un turismo sostenibile"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato