Contenuto sponsorizzato

Ricercatori alleati contro la cimice asiatica e la drosophila

Della rete fanno parte anche giovani dottorandi di ricerca che la Fondazione Mach ha affidato alle due università dell’Oregon e della Pennsylvania
DAL BLOG
Di Sergio Ferrari - 26 giugno 2019

 Laureato in Scienze Agrarie all'Università di Padova, dal 1961 al 1994 è stato docente all'Istituto Agrario di San Michele. Ha vinto la Penna d'Oro nel 1988

I ricercatori della Fondazione Mach che si occupano di cimice asiatica e di drosofila ed in particolare di parassitoidi autoctoni e/o presenti nei Paesi di provenienza di entrambi i fitofagi invasivi lavorano in stretto contatto con altri centri di ricerca italiani ed esteri.

 

La più vicina è la stazione sperimentale di Laimburg. C’è anche l’Università di Torino e quella di Modena che fanno riferimento alle zone frutticole del Piemonte e dell’Emilia Romagna. A questi centri fanno riferimento i consorzi ortofrutticoli e le organizzazioni dei produttori delle rispettive zone frutticole.

 

Della rete fanno parte anche giovani dottorandi di ricerca che la Fondazione Mach ha affidato alle due università dell’Oregon e della Pennsylvania impegnate nella lotta biologica contro drosofila e cimice asiatica.

Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 16 ottobre 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

16 ottobre - 20:26

Dal Centro Sociale Bruno ai sindacati di Cgil, Cisl e Uil, passando per tutto l’arco politico che va dai partiti di sinistra a quelli del centrosinistra-autonomista fino ad arrivare al movimento di Fridays for Future. È una manifestazione variegata e colorata quella andata in scena oggi a Trento in sostegno del popolo curdo

16 ottobre - 17:00

Un detto ladino che compare sulle bustine dello zucchero in val di Fassa e sul quale si trova anche il marchio della locale Azienda per il turismo. Detti che però ritornano a far discutere e diventano virali sui social per l'indignazione di diverse persone in modo trasversale

16 ottobre - 18:26

La Regione Veneto è intervenuta con un comunicato spiegando che la predazione è avvenuta perché ''l'energia erogata era assente o insufficiente, la recinzione era appoggiata al guard-rail quindi la corrente scaricava a terra, l'altezza era insufficiente (70/80 centimetri), non seguiva l'andamento del terreno, vi erano aperture di 30/40 centimetri''

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato