Contenuto sponsorizzato

Rinnovi varietali, utilizzata la metà dei contributi

La Provincia ha stanziato 3 milioni di euro per sostituire impianti costituiti da varietà commercialmente superate con piante di varietà più redditizie perché produttrici di frutti di qualità superiore
DAL BLOG
Di Sergio Ferrari - 08 settembre 2018

 Laureato in Scienze Agrarie all'Università di Padova, dal 1961 al 1994 è stato docente all'Istituto Agrario di San Michele

All’inizio della stagione 2018 la Giunta provinciale di Trento ha stanziato 3 milioni di euro fruibili da tutte le aziende frutticole che avrebbero realizzato operazioni di rinnovo varietale nei frutteti di melo.

 

Lo scopo era evidente: sostituire impianti costituiti da varietà commercialmente superate con piante di varietà più redditizie perché produttrici di frutti di qualità superiore.

 

La Provincia s’impegnava a corrispondere un contributo peri al 40% della spesa necessaria per l’acquisto delle piante da vivaio.

 

A consuntivo di stagione si apprende che le domande presentate ed accolte non hanno superato la soglia di 1,8 milioni di euro

Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 25 novembre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

25 novembre - 19:50

Sono 462 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 41 pazienti sono in terapia intensiva e 55 in alta intensità. Sono stati trovati 179 positivi a fronte dell'analisi di 3.403 tamponi​ molecolari per un rapporto contagi/tamponi al 5,3%

25 novembre - 16:18

Nuovo corso e anche nuova sede: terminati i lavori di ristrutturazione, Palazzo Consolati ha aperto le sue porte agli studenti e alle studentesse che da poche settimane hanno iniziato a frequentare le lezioni. Oggi, mercoledì 25 novembre, in una cerimonia e conferenza stampa online è stato inaugurato il corso di Medicina e Chirurgia dell'Università di Trento

25 novembre - 19:33

Il Comune di Grigno vuole offrire la possibilità a tutti i 2200 abitanti di fare il tampone, ora si attente il via libera della Provincia. Il sindaco Voltolini: “Abbiamo già uno spazio e la disponibilità di medici e infermieri volontari, basta che ci mandino i test necessari. Lo screening di massa? Strumento fondamentale per la gestione della pandemia

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato