Contenuto sponsorizzato

Spumate, l'errore più frequente? Metterlo in frigo

L’abbassamento termico è troppo rapido e fa ghiacciare il tappo che è impregnato di paraffina
DAL BLOG
Di Sergio Ferrari - 21 dicembre 2017

 Laureato in Scienze Agrarie all'Università di Padova, dal 1961 al 1994 è stato docente all'Istituto Agrario di San Michele

In prossimità delle feste di fine anno le bottiglie di spumante intensificano la loro presenza nelle case e sulle tavole.

 

Acquisto o regalo: le indicazioni riguardanti l’utilizzo ottimale valgono in entrambi i casi.

 

Uno degli errori più frequenti è mettere in frigorifero le bottiglie perché raggiungano la temperatura di servizio.

 

L’abbassamento termico è troppo rapido e fa ghiacciare il tappo che è impregnato di paraffina. Si fa poi fatica ad estrarlo. Per portare la bottiglia alla giusta temperatura - mai sotto i 4-5 gradi per non provocare l’insensibilità delle papille gustative - ci si deve servire di un secchiello od altro recipiente contenente acqua, ghiaccio e un pizzico di sale per conservare più a lungo il ghiaccio. 

Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.21 del 25 Settembre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

27 settembre - 20:21

La diffusione del virus Comune per Comune: a Rovereto 11 casi, 8 a Trento. La Provincia di Trento maglia nera fra i territori italiani per quanto riguarda l’incidenza. Ecco la mappa dei contagi sul territorio

27 settembre - 18:22

Davide Bassi, ex rettore dell'Università di Trento, di fronte alla crescita dei contagi in Regione nelle ultime settimane, si è interrogato sulle modalità di somministrazione dei tamponi. Farne tanti è infatti sempre una garanzia di una più efficace strategia di contenimento del virus? La risposta è scettica e fa riflettere sul modo con cui la Giunta Fugatti ha comunicato in questi mesi di emergenza. "Non serve farne tanti ma alle persone giuste"

27 settembre - 19:55

Continuano a crescere in Alto Adige i casi di strutture scolastiche e per l'infanzia costrette a chiudere per l'insorgenza di contagiati tra gli alunni. Dopo i due nuovi positivi riscontrati in due istituti superiori di Bressanone e la chiusura per 2 settimane del Gandhi di Merano, anche l'asilo Moos di Sesto dovrà chiudere i battenti per la sanificazione. 13 i bambini in isolamento, assieme al personale della materna

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato