Contenuto sponsorizzato

Avevano messo a segno una miriade di furti tra Levico, Caldonazzo e Pergine, arrestati due giovani già incastrati per gli stessi reati

I due sono un minorenne tunisino e un ragazzo italiano di origini nordafricane. I colpi, per migliaia di euro, erano stati messi a segno tra palestre, negozi, auto e uffici

Pubblicato il - 24 novembre 2017 - 10:34

BORGO VALSUGANA. Palestre, uffici comunali, associazioni, negozi, autovetture private per un totale di diverse migliaia di euro. Sono stati arrestati ieri due minori (S.C. tunisino e L.H. italiano di origini nord africane) ritenuti responsabili di molti furti commessi nelle zone di Caldonazzo, Levico e Pergine in diversi edifici pubblici e commerciali oltre che su auto private. I colpi erano stati messi a segno nei primi mesi di quest'anno.

 

Un bottino quantificabile complessivamente in diverse migliaia di euro, con danni anch’essi ingenti. L'arresto è scattato al termine di una complessa indagine dei carabinieri su disposizione dell'autorità giudiziaria. Ed è la seconda volta che quest’anno,i due giovani vengono tratti in arresto, sempre per lo stesso reato, ma ovviamente con obiettivi diversi, sempre commessi fra gennaio e marzo di quest’anno.

 

Complessivamente, fra le due indagini, sono ritenuti autori di almeno 20 furti. Le perquisizioni domiciliari, hanno consentito il rintraccio di beni di provenienza illecita e di arnesi atti allo scasso. Inoltre, la loro indole violenta e la concreta sussistenza del pericolo del ripetersi di tali eventi delittuosi, ha portato all’emissione nei loro confronti, di un provvedimento restrittivo presso comunità educative.  

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 20 ottobre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

21 ottobre - 11:51

La nuova ordinanza è valida fino al 31 gennaio 2021. Nelle aree pubbliche e private aperte al pubblico c'è il divieto di vendita per asporto di bevande alcoliche e superalcoliche dalle 22 alle 5. Stabilito anche divieto di detenzione (ad eccezione di recipienti chiusi ed integri) di bevande di qualsiasi tipo

21 ottobre - 11:44

Un bilancio delle ultime 24 ore aggravato dai 2 morti che porta il totale delle vittime da inizio epidemia a 296 persone, mentre i positivi salgono a 5.302 casi. Il rapporto contagi/tamponi al 10%, una persona testata ogni 10 è risultata infetta, un trend simile a quello di Trento

21 ottobre - 05:01

L'esperienza di Andrea, un 32enne che 11 giorni fa ha presentato i primi sintomi da coronavirus con febbre e stanchezza diffusa. "Mi sono sentito abbandonato dall'Apss, che non mi ha fornito alcuna indicazione su come comportarmi. Quando ho detto loro che ho l'App Immuni per avere quadro più preciso delle persone con cui avevo avuto contatti, la risposta è stata di totale indifferenza"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato