Contenuto sponsorizzato

Abbandonato e legato a un palo in Lungadige Leopardi, interviene la polizia per liberare il cane

Il cagnolino, che si ipotizza sia di un senzatetto che staziona in piazza Dante, è stato lasciato in Lungadige Leopardi. Dopo averlo liberato, il cucciolo è stato portato al Canile di Trento

Pubblicato il - 13 aprile 2018 - 13:35

TRENTO. Abbandonato e attaccato al palo dell'illuminazione pubblica in zona Lungadige Leopardi.

 

Senza microchip e targhe identificative. Solo e al palo. Il cagnolino è stato 'salvato' dagli agenti della polizia locale di Trento, che prima hanno liberato l'animale e quindi l'hanno accompagnato al Canile di Trento, dove viene accudito e curato dagli addetti.

 

Si ipotizza che il cane appartenga a un senzatetto che staziona quotidianamente in piazza Dante.

 

Un cane che in tanti conoscono in quanto questo cucciolo è di indole buona e spesso invita gli altri 'colleghi' a quattro zampe, che transitano in piazza, a giocare. Ora si trova al Canile e potrebbe essere dato in adozione se il proprietario non viene trovato

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 21 novembre 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

22 novembre - 12:52

Il consigliere del Movimento 5 Stelle deposita un'interrogazione molto impattante costruita, spiega nello stesso testo, ''su fonti autorevolissime''. E poi chiede anche se la Pat abbia intenzione fare denuncia e avviare un'indagine dopo che è stata data conferma di quanto aveva scoperto il Dolomiti: che il lupo ripescato nell'Avisio aveva zampe e testa recisa

21 novembre - 18:19

Una prima analisi dell'amministrazione comunale ha permesso di censire circa 191 seconde case a fronte di 993 abitanti. Zanetti: "Un numero significativo che già preannunciava una partenza interessante per il progetto. Speriamo di rafforzare le adesioni nel prossimo futuro" 

22 novembre - 15:30

La popolazione è quindi ancora invitata a ridurre gli spostamenti e, in ogni caso, a porre particolare attenzione alle condizioni dei luoghi percorsi. Eventuali situazioni di emergenza andranno comunicate al numero 112

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato