Contenuto sponsorizzato

Arrivano le 'ferie solidali'. I giorni non goduti regalati a chi ne ha più bisogno. La proposta di Chiara Avanzo sarà discussa dal Consiglio

Il testo della legge è stato discusso e approvato all'unanimità dalla Prima commissione guidata da Mattia Civico. Qualche dubbio è stato però sollevato dai sindacati

Pubblicato il - 24 aprile 2018 - 11:48

TRENTO. Passa in Commissione la proposta della consigliera Chiara Avanzo: le ferie non godute dei dipendenti provinciali possono essere 'regalate' a chi ne ha più bisogno. Una norma contenuta nella proposta di legge che ora andrà in aula del Consiglio provinciale per essere discussa

 

Si chiamano "Ferie solidali", e l'idea è piaciuta a tutti i commissari che hanno deciso di votarla all'unanimità. Qualche dubbio è stato però sollevato dai sindacati, intervenuti nel corso della riunione della Prima Commissione guidata da Mattia Civico

 

Giuseppe Pallanch della Cisl ha osservato che aldilà della misura che lo trova certamente d’accordo, "ma la questione andrebbe affrontata nel momento della contrattazione". Per Marcella Tomasi della Uil, va bene la cessione delle ferie ma non quella dei riposi "perché questi sono necessari al recupero psicofisico dell’attività lavorativa".

 

Per Stefano Galvagni della Cgil "questo istituto deve essere qualcosa di aggiuntivo e dovrà essere ben disciplinato e discusso in sede di contrattazione. I lavoratori, inoltre, devono essere anonimi per non creare situazioni spiacevoli o forzature".

 

Per Marcello Mazzucchi (Dirpat) "questa è una norma molto positiva perché educa alla cultura della solidarietà e della generosità e migliora il clima nell’ambito degli uffici". Alle audizioni sono stati sentiti anche i vertici degli enti pubblici. Per l’Apss è intervenuto Luca Gherardini: "Il problema delle ferie non fruite esiste eccome e ben venga uno strumento che lo affronti".

 

Per Upipa sono intervenuti il presidente Moreno Broggi e il direttore Massimo Giordani. Quest’ultimo ha definito il disegno di legge apprezzabile anche se non è a suo avviso strettamente necessario dare una copertura normativa alla materia che dovrebbe comunque trovare un’armonizzazione a livello provinciale e regionale.

 

"Sopratutto per alcuni enti come i piccoli comuni - ha spiegato Giordani - sarebbe interessante ed opportuno che le ferie solidali potessero essere gestite anche a livello interaziendale, per garantire una fruizione più estesa, ferma restando l’idea che è importante che la norma dia copertura legislativa alla contrattazione, senza però imporre nulla".

 

Il direttore della Fondazione Edmund Mach Sergio Menapace ha dichiarato di aver già previsto in sede di contrattazione sindacale questa proposta, che è dunque del tutto condivisibile. "Stiamo però valutando anche con la Fondazione Bruno Kessler - ha spiegato - una valorizzazione delle ferie, compensando le giornate in base ai livelli e attribuendovi più o meno valore".

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.31 del 13 novembre 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

13 novembre - 19:04

Dopo la storia che abbiamo raccontato di Gianpaolo e Laura sono stati molti i trentini che hanno deciso di offrire il proprio aiuto. Intanto anche oggi hanno trascorso la giornata al freddo. Tra le offerte di aiuto non è mancato anche chi ha deciso di informarsi per pagare una settimana alla coppia in ostello in un B&B dove poter dormire al caldo

13 novembre - 19:56

Il maltempo ha causato sia l’interruzione della fornitura esterna di energia elettrica, necessaria per la trazione dei treni e il funzionamento delle apparecchiature tecnologiche, sia la caduta di alberi sulla linea ferroviaria. Nella giornata odierna si sono registrati non pochi disagi per i viaggiatori, salvo imprevisti la linea dovrebbe essere riattivata nella mattinata di domani

 

13 novembre - 12:44

A esprimere forti perplessità sull'operazione i territori. E arriva la presa di posizione, pubblica, di Simone Santuari, presidente della comunità valle di Cembra a rappresentare anche le preoccupazioni di molti sindaci. Santuari: "Lavoriamo a consolidare il rapporto tra la valle di Cembra e la Rotaliana per cercare di costruire un percorso tra le due Comunità"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato