Contenuto sponsorizzato

Attentato esplosivo alla sede della Lega di Ala: questa sera arriva Salvini

E' successo questa notte. In frantumi una vetrata. Bisesti: "Un atto vile". Le forze dell'ordine hanno avviato immediatamente le indagini

Foto tratta da Facebook
Di G.Fin - 13 ottobre 2018 - 09:16

ALA. E' stata presa di mira nella notte la sede della Lega ad Ala. Attorno alle 2.30 sarebbe avvenuta una forte esplosione che ha danneggiato un'intera vetrata.

Sul posto sono intervenuti i carabinieri che hanno avviato immediatamente le indagini. Proprio ad Ala questa sera il Ministero dell'Interno e leader della Lega, Matteo Salvini terrà un comizio.

 

“Quello che è successo è un atto fatto da vigliacchi” sono le prime parole del segretario trentino Mirko Bisesti. “Abbiamo fiducia nel lavoro delle forze dell'ordine. Ad Ala anche oggi, comunque, la sede rimarrà aperta e ci sarà un gazebo. Per fortuna che non c’era nessuno all’interno della sede e non ci sono state vittime. Da parte della Lega, del futuro Presidente della Provincia Autonomia di Trento Maurizio Fugatti e da parte mia, l’invito a tutte le forze politiche che partecipano alla competizione di moderare i toni”.

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 26 novembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

30 novembre - 04:01

I contagi all'interno delle Case di Riposo sono più diffusi rispetto la prima ondata anche se, in alcuni casi, con conseguenze meno gravi. Tra le criticità più sentite c'è la mancanza di personale. "Lo stiamo cercando anche fuori regione ma è molto difficile" spiega Francesca Parolari di Upipa. Massima attenzione anche sulle nuove strutture che da Rsa di transizione diventano Rsa Covid: "Non tutti possono offrire standard come quella di Volano soprattutto per la predisposizione dell'ossigeno"

29 novembre - 20:27

Sono 448 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 44 pazienti sono in terapia intensiva e 55 in alta intensità. Sono stati trovati 265 positivi a fronte dell'analisi di 3.695 tamponi​ molecolari per un rapporto contagi/tamponi al 7,2%

29 novembre - 20:42

Una ragazza di appena 16 anni morta e altri 9 giovanissimi sono stati portati negli ospedali di Trento, Rovereto e Tione. Un week end di fine novembre difficilissimo sulle strade trentine, in particolare nelle Giudicarie

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato