Contenuto sponsorizzato

Cambiano i criteri per l'accesso al Progettone. Più attenzione alle lavoratrici con figli e ai disoccupati di lungo periodo

Le modifiche sono state proposte dall'assessore Alessandro Olivi e adottate durante l'ultima giunta provinciale

Pubblicato il - 25 febbraio 2018 - 19:16

TRENTO. Maggiore attenzione per le lavoratrici con figli e i disoccupati di lungo periodo. Questo l'obiettivo delle modifiche adottate dalla Giunta provinciale, per quanto riguarda l'accesso al Progettone.

 

La prima modifica riguarda le lavoratrici con figli ed i lavoratori e le lavoratrici che, licenziati dopo il febbraio 2012, senza avere i requisiti necessari per l'accesso al sistema, li avevano maturati con almeno un successivo contratto a termine di durata di almeno 6 mesi.

 

Si è deciso innanzitutto di ampliare la possibilità di accesso a coloro che hanno maturato i 6 mesi previsti anche sommando più contratti a termine, di durata più breve. Sul versante del criterio degli 8 anni dall'accesso alla pensione, si è deciso inoltre di scalare un anno alle donne disoccupate con figli, per ogni figlio, fino ad un massimo di due anni: quindi, ad esempio, una donna con due figli a cui mancassero ancora 10 anni per maturate il diritto alla pensione, potrebbe accedere subito al sistema dei lavori socialmente utili . In questo modo si riconosce l'importanza del lavoro domestico, dei carichi familiari che ancora gravano in massima parte sulle donne.

La seconda novità riguarda l'accesso al lavoro stagionale, sempre tramite il Progettone, anche ai lavoratori provenienti dalla disoccupazione ordinaria. Le criticità rilevate nel primo anno di questo sistema hanno portato, per correggerle, alla riduzione delle fasce in cui i richiedenti vengono collocati, passate da 4 a 3, e la riduzione degli ambiti territoriali, da 7 a 6, per riequilibrare i bacini di utenza (la scelta dei lavoratori viene fatta anche in base alla residenza). Infine, le domande non potranno più essere presentate in ogni momento ma solo in due momenti precisi, a inizio anno e alla metà.

MODIFICA A CRITERI DI ACCESSO AL PROGETTONE (TEMPO INDETERMINATO E DETERMINATO)

Come noto, l’accesso alle attività presuppone il possesso di determinati requisiti anagrafici e contributivi (residenza in Trentino da almeno 5 anni, età anagrafica di 53 anni per gli uomini e e 49 anni per le donne, non più di 8 anni alla pensione, almeno 15 anni di contributi maturati) e l’aver subito un licenziamento per giustificato motivo oggettivo. Unica eccezione prevista, con una decisione assunta nel 2015, era a favore di coloro che, licenziati dopo il febbraio 2012 senza avere tali requisiti, li avevano maturati con almeno un successivo contratto a termine di durata di almeno 6 mesi. Si vuole ora ampliare la possibilità di accesso a coloro che hanno maturato i requisiti anche con più rapporti a termine di durata complessiva di almeno 6 mesi, sia per il fatto che attualmente la norma ha permesso l’accesso di poche unità di richiedenti, sia per favorire l'attivazione degli stessi lavoratori, motivandoli ad assumere impegni lavorativi anche per periodi più brevi.

Per le donne è introdotto inoltre un “bonus” fino a due anni di contributi, ovvero dodici mesi di contributi per ogni figlio, fino ad un massimo di due anni, sulla scorta di quanto previsto nel ddl finanziaria statale sulla cosiddetta “ape sociale”.

Infine, per evitare elusioni della norma, si prevede che il rapporto a tempo indeterminato, da cui il richiedente è stato licenziato, deve avere avuto una durata di almeno sei mesi.

 

MODIFICA CRITERI DI ACCESSO A LAVORO STAGIONALE NEL PROGETTONE

Il Progettone riesce a prendere in carico anche lavoratori provenienti non dalle liste di mobilità ma dalla disoccupazione ordinaria. Le graduatorie sono compilate tenendo conto dell'esperienza maturata in lavoratori analoghi a quelli svolti dal Progettone (manutenzione del verde, edilizia, custodia, guardiania ecc.) e anche dell'Icef (non è il criterio prevalente). Ciò permette al Progettone di essere ancora più inclusivo (ad esempio possono essere prese in considerazione anche domande presentate da partite Iva e così via)  pur nel rispetto dei limiti di età già detti. Le domande presentate in questo modo lo scorso anno sono state circa 600 (soddisfatte per circa la metà). 

Nel primo anno di sperimentazione della procedura ha evidenziato tre criticità. In primo luogo, la possibilità di presentare la domanda di lavoro stagionale in qualsiasi momento dell’anno ha determinato un continuo aggiornamento della graduatoria, generando uno stato di incertezza a sfavore di chi si è trovato inserito nelle due fasce più basse, ovvero la fascia C e D. Di conseguenza, si è deciso di circoscrivere la presentazione delle domande a due momenti precisi, a inizio anno e alla metà. In secondo luogo, la suddivisione dell’elenco dei lavoratori in 4 fasce, da A a D, è risultata essere del tutto escludente per i lavoratori inseriti nella fascia D e residenti negli accorpamenti di Comunità di Valle dove sono state presentate il maggior numero di domande. Per ovviare a questo problema le fasce sono state ridotte a tre. Il criterio di base  per la selezione, all'interno di ciascuna fascia, continua ad essere quello dell'esperienza già maturata in relazione alla mansione che il lavoratore sarà chiamato a svolgere nel contesto specifico.In terzo luogo, i sette accorpamenti di Comunità di Valle non sempre sono risultati adeguatamente funzionali alla procedura di selezione e pertanto sono stati parzialmente rivisti e ridotti al numero di sei.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 25 gennaio 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

27 gennaio - 05:28

In Calabria partita facile per Jole Santelli di Forza Italia che è stata eletta governatrice. Zingaretti: "Un immenso grazie al movimento delle Sardine che sono riuscite a dare una scossa democratica importante respingendo l'aggressività della destra estremista e la cultura dell'odio"

26 gennaio - 20:04

Mentre il Giorno della memoria s'avvicina, il Comune di Verona ha ben pensato di conferire la cittadinanza onoraria a Liliana Segre e di dedicare contemporaneamente una via a Giorgio Almirante, storico leader dell'Msi e capo redazione de "La difesa della razza". Antisemita, razzista e collaborazionista, fu figura di raccordo tra l'estrema destra eversiva e le istituzioni deviate durante lo stragismo. Impedirne l'ingresso nell'odonomastica è un dovere civico

26 gennaio - 20:14

La "forza gentile" degli ambientalisti, in Lessinia sfilano oltre 10mila persone, ma il firmatario del ddl Valdegamberi accusa: “Atto di arroganza pubblica del peggiore ambientalismo da salotto”. La consigliera regionale Guarda: “Abbiamo mandato un messaggio forte, ora le istituzioni dovranno tenerne conto, da parte nostra chiediamo il ritiro di questa proposta di legge”

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato