Contenuto sponsorizzato

Case vacanze fantasma, quattro donne arrestate per truffa, sostituzione di persona e associazione a delinquere

Tra le località scelte per la truffa anche Madonna di Campiglio. Le quattro donne si facevano dare la caparra e poi scomparivano 

Pubblicato il - 29 giugno 2018 - 18:22

MADONNA DI CAMPIGLIO. Pubblicavano su internet proposte di affitti di case vacanze prestigiose ma dopo aver ricevuto la caparra scomparivano e le case, ovviamente, erano inesistenti. A finire nei guai sono state quattro donne dai 24 ai 76 anni e tra le località c'è anche Madonna di Campiglio ma anche in altre località italia come a San Teodoro e Stintino, Cortina, Isola d'Elba, Marina di Grosseto e Livigno.

 

A scoprire quello che stava accadendo sono stati i carabinieri di Pavia che sono riusciti a rintracciare e arrestare le quattro donne con l'accusa di truffa, sostituzione di persona e associazione a delinquere.

 

Le indagini erano state avviate nel 2015. Le persone trovavano sul web annunci di locazione di case in prestigiose località a prezzi particolarmente convenienti. Le quattro donne secondo quando rilevato dai carabinieri portavano avanti questa truffa con utenze telefoniche ed mail fittizie. Riuscivano a farsi dare le caparre dalle ignare vittime facendosi versare i soldi su carte prepagate.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.47 del 13 Dicembre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

15 dicembre - 05:01

La prorettrice di Unitn Barbara Poggio: “Le ricerche dimostrano che aumentare i servizi e ridurre i costi degli stessi funzionano meglio degli aiuti economici diretti”. La misura non piace nemmeno ai sindacati: “Le persone decidono di farsi una famiglia se hanno un buon lavoro non per delle vaghe promesse propagandistiche”

14 dicembre - 19:05

Il 14 dicembre dello scorso anno Antonio Megalizzi 29 anni, giornalista, è stato ucciso da un proiettile esploso a Strasburgo, tre giorni prima, in un mercatino di Natale, da un terrorista. Oggi tante iniziative per ricordarlo. In radio una maratona per Antonio e l'amico Bartosz

14 dicembre - 19:51

Si tratta di un uomo di 53 anni di Zambana. Faceva parte di un gruppo di tre persone. I soccorritori sono riusciti ad individuarlo e dopo averlo estratto da sotto la neve, in stato iniziale di ipotermia, è stato trasportato a Merano

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato