Contenuto sponsorizzato

Caso stadio Roma, spunta anche Fraccaro tra le intercettazioni: ''Lanzalone dei nostri, se ha sbagliato, giusto che paghi''

Il ministro per i rapporti con il parlamento viene citato in un'intercettazione, quando Parnasi afferma: "Lanzalone è stato messo a Roma da Grillo per il problema stadio insieme al professore Fraccaro e Bonafede"

Di Luca Andreazza - 14 giugno 2018 - 13:20

TRENTO. "Non sono mai contento, quando una persona in sé viene indagata, ma se ha sbagliato è giusto che ne risponda", così il neo ministro Riccardo Fraccaro sulla vicenda del nuovo stadio della Roma. "Dobbiamo però capire quali sono i motivi degli arresti. Solamente dopo un'analisi attenta si potranno esprimere dei commenti sensati".

 

Un'operazione quella che ha condotto all'arresto di nove persone e altri sedici indagati nell'ambito della costruzione del nuovo stadio dei giallorossi. Una vicenda che sfiora anche il pentastellato. 

 

Il ministro per i rapporti con il parlamento viene citato in un'intercettazione, quando Parnasi afferma: "Lanzalone è stato messo a Roma da Grillo per il problema stadio insieme al professore Fraccaro e Bonafede".

 

Il consulente, indicato dall'imprenditore Luca Parnasi (proprietario della società Eurnova che realizza il progetto dello stadio), arrestato insieme a altri cinque collaboratori, come il "risolvo problemi" il "Wolf" nell'intercettazione che cita il grande film "Pulp fiction di Quentin Tarantino": "È colui che ha risolto veramente il tema dello stadio di calcio della Roma, ormai siamo diventati amici. Si chiama Luca Lanzalone", in quel momento viene esautorata di fatto Virginia Raggi, inizialmente contraria al progetto.

 

Bene puntualizzare, questa indagine colpisce la politica in modo trasversale: non solo il Movimento 5 stelle, che avevano dato il via libera al progetto in modo faticoso, ma anche Forza Italia, Partito democratico e Lega. La presunzione d'innocenza è d'obbligo, ma nell'onda di arresti, quello del super-consulente Luca Alfredo Lanzalone mette in difficoltà soprattutto i pentastellati.

 

Il consulente Lanzalone lavora per le giunte Pd di Genova e Crema e gestisce fusioni e razionalizzazioni delle società partecipate. La scintilla verso il Movimento scocca nel 2016, quando viene chiamato a affiancare l'amministrazione di Livorno nella procedura di concordato della municipalizzata dei rifiuti.

 

Quell'operazione si rivela un successo e Lanzalone si guadagna la fiducia di Beppe Grillo e Davide Casaleggio. Il passo in Capitale per affiancare Virginia Raggi nell'agosto del 2016 è brevissimo. È il collegamento tra gli “emissari” dei vertici Alfonso Bonafede e Riccardo Fraccaro, oggi entrambi ministri, e la sindaca per districarsi nella difficilissima vicende che vede protagonista l'ex braccio destro Raffaele Marra

 

Quindi l'impegno per la costruzione del nuovo stadio, per meno cubature e più attenzione alla sostenibilità ambientale.

 

A confermare indirettamente le parole del costruttore è la dichiarazione dell'ex M5s Cristina Grancio: "Ho conosciuto Lanzalone insieme a Fraccaro e Bonafede, quando vennero in Campidoglio insieme ai consulenti del suo stadio dovevano essere a supporto della questione stadio, perché si voleva andare in annullamento della delibera di Marino".

 

"Conosco Lanzalone - commenta - perché è stato un consulente apprezzato in varie fasi delle nostre attività politiche. Ovviamente se qualcuno ha voluto fare il furbo sono contento che la magistratura sia intervenuta".

 

Nel frattempo sono anche arrivate le dimissioni del consulente dalla presidenza dell'Acea. Luigi Di Maio: "Da noi chi sbaglia paga. Ci aveva aiutati sui rifiuti a Livorno e a ridurre le cubature dello stadio. Così l'abbiamo premiato con la presidenza dell'Acea".

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.21 del 25 Settembre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

25 settembre - 20:18

La mappa del contagio comune per comune. Oggi in Alto Adige è stata chiusa la prima scuola della regione per un focolaio tra gli studenti

25 settembre - 19:15

Preoccupa il ritorno dei contagi, soprattutto in vista della stagione invernale e sulle piste da sci. Il consigliere del Patt Dallapiccola deposita un’interrogazione: Finora questa Giunta non ha dato dimostrazione di particolare prontezza di riflessi e di efficacia nelle risposte ai problemi che via via si presentano”

25 settembre - 16:21

Nelle ultime 48 ore in Alto Adige sono stati individuati quasi 90 positivi. Di questi cinque sono studenti di scuole diverse (ecco quali) dove scatteranno le normali misure di quarantena per i compagni mentre altri cinque sono stati individuati solo nell'istituto di Merano. Per sicurezza da lunedì 28 settembre fino a venerdì 9 ottobre 2020 compreso la scuola resterà chiusa e si torna alle lezioni digitali

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato