Contenuto sponsorizzato

''Compro oro'' truffati, condannata una donna che ha venduto 18 bracciali falsi

E' successo al Millennium Center di Rovereto. Durante il processo l'intervento del perito 

Pubblicato il - 11 April 2018 - 09:08

ROVERETO. Bigiotteria falsa ma talmente fatta bene da ingannare sia i test che gli esperti. Così una donna bresciana, andata in negozio assieme ad una amica, è riuscita a rifilare dei braccialetti falsi ad alcuni “compro oro” del Millenium Center.

 

La donna e la sua amica sono finite così a processo per truffa. I fatti risalgono a circa 3 anni fa. I punti vendita coinvolti sono “Orofino” e “E' Oro” nei quali le due donne si sono recate con i monili, 18 bracciali e un anello per un valore totale di poco più di 2700 euro.

 

In aula, durante il processo, è stato necessario l'intervento di un perito che ha spiegato come si è scoperto che i bracciali erano falsi solo attraverso dei particolari macchinari visto che avevano tutte le caratteriste, a partire dalle punzonature, per essere considerati veri e di oro bianco. Purtroppo però, i negozi per capire se se si tratta di materiale prezioso hanno un metodo che può essere raggirato se non si tratta di oro giallo.

 

La donna è stata condannata a 1 anno e mezzo e 280 euro di multa senza la sospensione condizionale mentre l'amica è stata assolta non avendo nulla a che fare con la merce falsa.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 25 gennaio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

25 January - 19:33

Sono 256 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 41 pazienti sono in terapia intensiva e 40 in alta intensità. Oggi sono stati comunicati 3 decessi. Sono 13 i Comuni con almeno 1 nuovo caso di positività

25 January - 19:13

Il tribunale accoglie il ricorso della Filcams, Bassetti e Delai. "I diritti valgono per tutti i lavoratori, anche quelli più deboli. La Provincia, come ente appaltante, avrebbe dovuto pretenderlo: atteggiamento grave e inadeguato di piazza Dante"

25 January - 17:12

E' uno dei ponti più importanti che ci sono al confine tra Lombardia e Trentino. Siamo tra Lodrone e Bagolino e da anni il consigliere Marini chiede risposte alla Pat: ''L’unica realtà tangibile è che il ponte nuovo, ultimato nel 2017 al prezzo di alcuni milioni di euro pubblici, non è mai stato aperto, mentre quello del 1906 che tiene in piedi praticamente tutto il traffico abbisogna di interventi urgenti perché ormai cade a pezzi''

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato