Contenuto sponsorizzato

Da Anffas a Anglat un ''Sì'' alla giornata per i disabili. Lucia Coppola: ''Un’iniziativa che deve partire dalle associazioni''

La manifestazione si svolgerebbe in occasione della giornata mondiale delle disabilità, nella speranza di creare un momento di condivisione, riflessione e divertimento per l’intera comunità. Handicrea critica verso il ministero: "Creare una struttura a parte favorisce la discriminazione"

Di Martina Lucia Zambelli (Liceo Prati), Margherita Zocca (Liceo Da Vinci) e Martin Fedrizzi (Liceo Prati) - 11 giugno 2018 - 19:21

TRENTO. La proposta è stata lanciata da Devid Moranduzzo, consigliere comunale delle Lega: "Alpini? Fatto. Dolomiti Pride? FattoPerché non organizzare una manifestazione per i diritti dei disabili?" (Qui articolo).

 

Il Dolomiti è d'accordo e la rilancia. Servono informazione e iniziative di sensibilizzazione per capire che si può fare tanto anche con poco. Un'iniziativa che viene già accolta con entusiasmo da diverse associazioni che a vario titolo si spendono in questa causa, come Anffas e Anglat

 

La manifestazione si svolgerebbe in occasione della giornata mondiale delle disabilità, nella speranza di creare un momento di condivisione, riflessione e divertimento per l’intera comunità, come successo per l’Adunata degli Alpini e il recente Dolomiti Pride.

 

"È necessario che la proposta sia accolta e portata avanti in collaborazione con associazioni che si occupano della tematica della disabilità", spiega Lucia Coppola, presidente del consiglio comunale di Trento, che aggiunge: "Un’iniziativa come questa deve essere sentita dagli stessi protagonisti e non deve essere calata dall’alto”.

 

Favorevole anche Luciano Enderle, presidente di Anffas, al quale preme affinché la giornata sia organizzata al meglio, in modo da sfruttare pienamente un’occasione così preziosa per sensibilizzare la città.

 

"Non solo un momento di dialogo e confronto per la comunità - evidenzia Marco Groff, presidente dell'Anglat - ma un'occasione per trovare misure concrete e pratiche per fronteggiare le difficoltà che i disabili riscontrano quotidianamente".

 

Anche le azioni più semplici possono, infatti, rimuovere un ostacolo:  "Bisogna - aggiunge il numero uno di Anglat - comprendere concretamente che impatto un handicap può avere nella vita di una persona". 

 

Una giornata di questo tipo può avere un particolare rilievo: la questione della disabilità è largamente discussa, anche dopo la creazione di un ministero. Scelta che questa che ha portato anche molte critiche.

 

“Ogni Ministero - evidenzia Graziella Anesi, fondatrice di Handicrea, associazione che oltre venti anni si occupa di contrastare le emarginazioni - dovrebbe attuare normative integranti. I diversamente abili sono cittadini le cui problematiche, come quelle degli altri, devono essere affrontate a 360 gradi. Creare un ministero a parte favorisce la discriminazione. Questa giornata deve essere organizzata con cautela e eleganza, altrimenti si rischia di ottenere il risultato opposto". 

 

Ma questi eventi possono avere un ruolo fondamentale per sensibilizzare la comunità. "E' grazie a piccoli passi come questi - conclude Coppola - che la situazione è radicalmente cambiata dagli anni '70, quando i diversamente abili erano relegati in classi speciali o istituti separati, a oggi".

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 24 febbraio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

25 febbraio - 11:55

Secondo la fondazione Gimbe, nella settimana che va dal 17 al 23 febbraio, la Provincia di Trento ha registrato un incremento percentuale dei casi totali di contagio da SARS-CoV-2 del 5,6%. Nel frattempo il Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie conferma la zona “rosso scuro”

25 febbraio - 10:39

Una situazione che si è presentata diverse volte in questi primi giorni di apertura, alternandosi ad altri momenti in cui il via vai di persone è stato più rapido. In generale però gli anziani che attendono di sentire il loro nome per entrare nel capannone sono costretti ad aspettare all'esterno (alcuni seduti, molti in piedi), causando non poche difficoltà

24 febbraio - 19:51

L'iniziativa è partita da un progetto lanciato dal Centro Servizi Volontariato che ha poi visto coinvolti Lilt e Hospice. Protagonisti gli studenti del Centro Moda Canossa, l'istituto Vittoria e gli Artigianelli. Sono stati progettati delle felpe e dei borselli per diversi usi che verranno donati ai giovani malati di cancro

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato