Contenuto sponsorizzato

Emergency, questa sera Gino Strada a Trento

L'appuntamento è fissato alle 21 all'auditorium Santa Chiara di Trento. L'incontro dal titolo "Uno straccio di Umanità" sarà trasmesso in diretta su ildolomiti.it 

Pubblicato il - 07 September 2018 - 14:07

TRENTO. Prenderà il via questa sera, con l'arrivo a Trento di Gino Strada, la due giorni di eventi insieme agli operatori umanitari e ai volontari di Emergency per conoscere il lavoro dell'associazione, l’impegno per i diritti umani e contro la guerra.

 

Questa sera, alle 21.15 circa, sul palco dell'auditorium Santa Chiara, il chirurgo e fondatore di Emergency, Gino Strada, prenderà parte all'incontro dal titolo “Uno straccio di umanità”. A fianco a lui ci saranno Rosella Miccio, presidente di Emergency e il sindaco di Riace Mimmo Lucano.

 

Al termine dell'incontro ci saranno le “Canzoni contro l'odio” di Neri Marcoré con voci e chitarre di Giua, Pietro Guarracino e Vieri Sturlini.

 

L'intero appuntamento con Gino Strada sarà trasmesso in diretta su ildolomiti.it

 

La due giorni di informazione e partecipazione proseguirà poi domani con diversi incontri e con l'appuntamento attorno alle 12, con il giornalista e direttore del Tg La7 Enrico Mentana, al Teatro Sociale, che sarà sempre trasmesso in diretta dal sito ildolomiti.it.

 

Il messaggio che l'associazione fondata del 1994 vuole lanciare in questi incontro è molto semplice: “Non è negando diritti ad altre persone che riusciremo a difendere i nostri”.

 

Emergency è nata 24 anni fa per offrire cure gratuite e di qualità alle vittime della guerra e della povertà. In un momento storico in cui il clima sociale è caratterizzato da una deriva verso odio, discriminazione e

violenza, Emergency invita la cittadinanza a partecipare a una serie di eventi intesi come momenti di riflessione sulla perdita di umanità, sull’innalzamento di muri, sulla strumentalizzazione della paura e la rimozione della memoria.

 

Numerosi eventi gratuiti animeranno, infatti, tutto il centro cittadino: un ciclo di conferenze, spettacoli teatrali, incontri pubblici, proiezioni, un percorso interattivo, una mostra e un concerto. A fare da cornice saranno alcuni dei luoghi più storici e rappresentativi di Trento.

 

Si parlerà di immigrazione, per sfatare i miti e i pregiudizi ormai legati al tema e riconsiderare la diversità come un elemento di partenza per rigenerare la nostra società. Si parlerà di guerra, perché nelle guerre contemporanee il 90% delle vittime sono civili. Donne, bambini, uomini con la sola colpa di essersi trovati nel posto sbagliato al momento sbagliato.

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 23 luglio 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
24 luglio - 13:12
Né in occasione dell'incontro con l'amministrazione a Calliano d'inizio mese né in quello con il sindaco di Rovereto Francesco Valduga di una [...]
Cronaca
24 luglio - 13:08
Il virologo Burioni interviene dopo l’approvazione delle nuove misure sul Green pass: “Quelli che non si vaccinano non sono eroici idealisti, [...]
Cronaca
24 luglio - 11:38
La città vincitrice, grazie anche al contributo statale di un milione di euro, potrà mettere in mostra, per il periodo di un anno, i propri [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato