Contenuto sponsorizzato

Emesso il provvedimento di dissequestro per il cane Miro. Ora potrà tornare a casa

Il cane era stato sequestrato lo scorso marzo dopo alcune querele da parte di un vicino di casa che si è lamentato per l'eccessivo abbaiare notturno 

Di gf - 11 aprile 2018 - 15:07

TRENTO. Miro potrà tornare a casa. Proprio questa mattina il Tribunale di Trento ha emesso il provvedimento di dissequestro del pastore maremmano che lo scorso marzo era stato sequestrato da parte dei carabinieri dopo alcune querele presentate da un vicino di casa che si lamentava per l'abbaiare eccessivo del cane nelle ore notturne.

 

La vicenda di Miro e della sua presenza in canile erano finiti in poco tempo sulle cronache nazionali. Eva Munter, la proprietaria del cane, attraverso la piattaforma change.org è riuscita a raccogliere oltre 240 mila firme.

 

"Siamo molto contenti e non vediamo l'ora di portarlo a casa" spiega Munter. 

 

“Nel provvedimento di dissequestro – ha spiegato l'avvocata Cecilia Venturini – è contenuta la disponibilità da parte della famiglia a tenere custodito il cane nelle ore notturne come, tra l'altro, era già stato offerto ieri durate l'udienza del riesame”. Un modo, questo, per essere certi che nell'orario notturno non vi sia alcun genere di problema. Ora si dovrà attendere il processo che prenderà avvio il prossimo 27 aprile e che andrà ad accertare o meno se c'è oppure no il reato di disturbo arrecato dal cane.

 

Completati gli adempimenti burocratici, se non oggi, al più tardi domani, Miro tornerà a casa. 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.19 del 12 Novembre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

12 novembre - 19:08

Si sono conosciuti in piazza a Novara. Entrambi hanno perso lavoro e casa e poi sono partiti in treno per cercare qualche città dove iniziare una nuova vita assieme. Sono arrivati a Trento da circa un mese e mezzo. Non hanno soldi ed ora con l'arrivo del freddo hanno paura di non farcela

12 novembre - 13:53

In 10 anni spesi oltre 1,6 milioni di euro per borse di studio e contributi per soggiorni studio all'estero in favore dei figli di personale tecnico e amministrativo e dei collaboratori esperti linguistici. Per l'accusa, questi sussidi, sono stati erogati in maniera illegittima provocando un danno erariale, pertanto a risponderne sono stati chiamati due dipendenti dell'Università che hanno sottoscritto l'accordo in questione 

12 novembre - 19:02

La società Autostrada del Brennero, in accordo con la polizia stradale, ha approntato per la nottata in arrivo delle misure cautelative per impedire gravi turbative alla circolazione dell'asse autostradale. Tra Mezzocorona ed Egna sarà possibile circolare solo su una corsia, evitando la creazione di disagi dovuti a mezzi pesanti in panne

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato