Contenuto sponsorizzato

Emesso il provvedimento di dissequestro per il cane Miro. Ora potrà tornare a casa

Il cane era stato sequestrato lo scorso marzo dopo alcune querele da parte di un vicino di casa che si è lamentato per l'eccessivo abbaiare notturno 

Di gf - 11 April 2018 - 15:07

TRENTO. Miro potrà tornare a casa. Proprio questa mattina il Tribunale di Trento ha emesso il provvedimento di dissequestro del pastore maremmano che lo scorso marzo era stato sequestrato da parte dei carabinieri dopo alcune querele presentate da un vicino di casa che si lamentava per l'abbaiare eccessivo del cane nelle ore notturne.

 

La vicenda di Miro e della sua presenza in canile erano finiti in poco tempo sulle cronache nazionali. Eva Munter, la proprietaria del cane, attraverso la piattaforma change.org è riuscita a raccogliere oltre 240 mila firme.

 

"Siamo molto contenti e non vediamo l'ora di portarlo a casa" spiega Munter. 

 

“Nel provvedimento di dissequestro – ha spiegato l'avvocata Cecilia Venturini – è contenuta la disponibilità da parte della famiglia a tenere custodito il cane nelle ore notturne come, tra l'altro, era già stato offerto ieri durate l'udienza del riesame”. Un modo, questo, per essere certi che nell'orario notturno non vi sia alcun genere di problema. Ora si dovrà attendere il processo che prenderà avvio il prossimo 27 aprile e che andrà ad accertare o meno se c'è oppure no il reato di disturbo arrecato dal cane.

 

Completati gli adempimenti burocratici, se non oggi, al più tardi domani, Miro tornerà a casa. 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 22 dicembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

16 January - 05:01

Il trascinarsi dell'epidemia da SarsCov-2 sta avendo effetti disastrosi sulla salute psichica. Numerosi studi confermano questo trend: isolamento, lutti, incertezze economiche sono solo alcuni degli aspetti presi in considerazione. Ermanno Arreghini, psichiatra e psicoterapeuta: "Attuare misure di protezione anche per i più fragili: senzatetto, disabili, pazienti psichiatrici"

15 January - 19:18

Nella conferenza stampa straordinaria organizzata dalla giunta provinciale di Bolzano, Arno Kompatscher si è detto sconcertato dalla scelta del Cts di trasformare l'Alto Adige in zona rossa. "Abbiamo inviato una lettera a Roma. Sulla base dei dati confermiamo con l'ordinanza di stasera la zona gialla"

15 January - 19:30

Sono tantissime le prese di posizione (di partiti e istituzioni) in favore della testata ma colpiscono, in particolare, le dichiarazioni di Fugatti (che si dice ''sorpreso''), dei sindacati (che ancora parlano di ''investimento'' riferendosi all'operazione predatoria compiuta sull'editoria locale da parte di Athesia) e dell'Ordine dei Giornalisti (che esprime la sua ''solidarietà''). Ora si pensi ai giornalisti ma non si dimentichino i collaboratori esterni e i fotografi che da una vita lavorano per poche decine di euro al giorno mettendoci tutto quel che hanno

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato