Contenuto sponsorizzato

Il cane abbaia troppo e viene sequestrato. Miro ora è al canile

L'anziana proprietaria respinge le accuse dei vicini dalle quali deriverebbero due querele per il disturbo che il cane crea durante la notte 

Foto da internet
Pubblicato il - 23 marzo 2018 - 08:53

ROVERE' DELLA LUNA. Fino a ieri era libero ma ora, Miro, un pastore maremmano, è finito del canile di Marco di Rovereto. Il motivo? Il suo abbaiare durante la notte. Il cane è di un'anziana di Roveré della Luna che abita in una casa a due piani con la figlia. Attorno all'abitazione c'è un giardino dove Miro passa gran parte della giornata e, quando non è freddo, anche la notte.

 

A poco distanza ci sono altre case ed è proprio da qui che qualcuno avrebbe fatto partire due querele, trasformate in due decreti penali di condanna all'anziana proprietaria, per l'eccessivo abbaiare del cane che non permetterebbe di dormire. Un'accusa, questa, respinta dai padroni di Miro che spesso la notte fanno entrare in casa il cane.

 

Ieri mattina a casa dell'anziana signora si sono presentati i carabinieri mandati dal giudice, in esecuzione di un provvedimento giudiziario, per prelevare il cane e portarlo al canile di Marco di Rovereto. La vicenda finirà ora in tribunale dopo Pasqua.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 01 dicembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

01 dicembre - 18:30

Il Trentino chiede date certe al Governo e ribadisce la sua volontà di aprire gli impianti, ovviamente ai turisti prima che ai residenti. Intanto però oggi si contano altri 8 morti e il totale della seconda ondata sale a 257 mentre le persone in terapia intensiva restano 44 

01 dicembre - 19:16

Da oggi tutti i pazienti oncologici che hanno la necessità di sottoporsi alle sedute di chemioterapia, ma anche di ricevere supporto psicologico, devono recarsi al Santa Chiara. "Il tema sanità è sempre stato cavalcato delle varie forze politiche di governo e quando nel 2018 sentivo parlare di cambiamento mi chiedevo a che cosa si alludesse. Ora l’ho capito: cambiamento per la Giunta significa togliere servizi, significa risparmiare, significa tagliare, significa sanità Trento-centrica"

01 dicembre - 19:49

Sono 450 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 44 pazienti sono in terapia intensiva e 52 in alta intensità. Sono stati trovati 156 positivi a fronte dell'analisi di 2.026 tamponi​ molecolari per un rapporto contagi/tamponi al 7,7%

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato