Contenuto sponsorizzato

Il cane abbaia troppo e viene sequestrato. Miro ora è al canile

L'anziana proprietaria respinge le accuse dei vicini dalle quali deriverebbero due querele per il disturbo che il cane crea durante la notte 

Foto da internet
Pubblicato il - 23 marzo 2018 - 08:53

ROVERE' DELLA LUNA. Fino a ieri era libero ma ora, Miro, un pastore maremmano, è finito del canile di Marco di Rovereto. Il motivo? Il suo abbaiare durante la notte. Il cane è di un'anziana di Roveré della Luna che abita in una casa a due piani con la figlia. Attorno all'abitazione c'è un giardino dove Miro passa gran parte della giornata e, quando non è freddo, anche la notte.

 

A poco distanza ci sono altre case ed è proprio da qui che qualcuno avrebbe fatto partire due querele, trasformate in due decreti penali di condanna all'anziana proprietaria, per l'eccessivo abbaiare del cane che non permetterebbe di dormire. Un'accusa, questa, respinta dai padroni di Miro che spesso la notte fanno entrare in casa il cane.

 

Ieri mattina a casa dell'anziana signora si sono presentati i carabinieri mandati dal giudice, in esecuzione di un provvedimento giudiziario, per prelevare il cane e portarlo al canile di Marco di Rovereto. La vicenda finirà ora in tribunale dopo Pasqua.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 26 febbraio 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

29 febbraio - 12:15

Il candidato sindaco della destra nel tentativo di colpire l’amministrazione comunale di Trento offre involontariamente un assist ai suoi avversari: dallo scorso anno la macro area della giustizia-sicurezza è scesa dal 18esimo al 42esimo posto, anche se complessivamente la Pat guadagna due posizioni tornando sul podio

29 febbraio - 12:44

E' successo in via Innsbruck intorno alle 18, una jeep con a bordo una coppia di italiani è piombata a velocità altissima nel deposito degli autobus. In quel momento le stanghe erano alzate per consentire e agevolare l'entrata dei diversi mezzi tra fine e inizio turno, quando il veicolo è sopraggiunto a tutto gas senza badare ai segnali di divieto, ma anche alle indicazioni del lavoratore

29 febbraio - 09:22

La comunicazione del caso positivo è arrivata dalle autorità tedesche. La proprietaria della piccola struttura, risultata l’unica persona di stretto contatto del caso positivo, è stata posta in isolamento domiciliare

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato