Contenuto sponsorizzato

Fugatti e Kompatscher incontrano Toninelli. ''Sciolti i nodi su Tunnel e A22''. Il ministro avrebbe ritirato il 'potere di veto' sulle scelte strategiche

I due governatori: "Incontro positivo a Roma". Al vertice ha partecipato anche il ministro per i Rapporti con il Parlamento Riccardo Fraccaro

Pubblicato il - 08 novembre 2018 - 17:41

ROMA. “Un clima positivo e di grande collaborazione ha permesso di sciogliere gli ultimi nodi importanti sulla futura gestione dell’A22", scrivono congiuntamente i governatori di Trento e Bolzano Fugatti e Kompatscher. Si riferiscono all'incontro avuto oggi nella capitale con il ministro alle Infrastrutture Danilo Toninelli. Con loro anche i presidente di  Veneto e Friuli Venezia Giulia Zaia e Fedriga.

 

Si apprende che Fugatti e Kompatscher hanno ribadito al governo che "il Comitato di indirizzo sul Corridoio del Brennero sarà gestito secondo una logica paritaria fra Stato, Regioni e Province autonome”. E sembra che abbiano convinto il ministro, che in precedenza voleva che il comitato di controllo fosse a sei, tre ministeriali e tre locali, con il presidente (di nomina romana) con il voto doppio in caso di parità.

 

"Tema della riunione il ruolo del Governo nella gestione delle tratte autostradali - si legge infatti nel comunicato - ed in particolare la rilevanza dei rappresentanti dello Stato nel comitato paritetico di sei membri (tre governativi, tre dei soci pubblici territoriali) chiamato a presidiare l’accordo quadro sul Corridoio del Brennero al cui interno è ricompreso l’affido diretto della gestione di A22".

 

Ma il nodo della nuova società in house che gestirà l'A22 e del tunnel del Brennero è una questione non da poco e lasciare la maggioranza al governo ha fatto preoccupare i presidenti delle Province autonome. "Il ministro Toninelli ha rassicurato che le decisioni strategiche saranno prese dal Comitato a maggioranza, senza quindi nessun diritto di veto da parte del presidente, che non avrà pertanto la possibilità di un doppio voto, come ipotizzato in precedenza".

 

"Oltretutto - si legge nella nota - nella scelta del presidente, che sarà indicato dalla terna di nomina ministeriale, è garantita una interlocuzione con i territori per individuare la figura più rappresentativa. Massima condivisione dunque per la gestione dell’autostrada e disponibilità anche a rivedere, al fine di chiarire meglio alcuni aspetti giuridici, la bozza di Accordo di cooperazione interistituzionale sul Brennero, che una volta modificata sarà inviata nuovamente a Bruxelles per l’approvazione definitiva".

 

Infine, i governatori hanno registrato la disponibilità del ministro anche alla realizzazione di alcune opere viarie connesse all’A22, a Trento e a Bolzano, "opere di grande importanza strategica". All’incontro - si apprende - ha partecipato anche il ministro per i rapporti con il Parlamento, Riccardo Fraccaro.

Video del giorno
Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 19 gennaio 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

20 gennaio - 18:54

Il governatore in vista ad Ala attacca la precedente amministrazione provinciale: "Sono stati inconcludenti. Qui ognuno deve prendersi le proprie responsabilità, noi ci prenderemo le nostre, ma i cittadini non possono correre simili rischi"

20 gennaio - 16:00

L'assessora preoccupata dal fatto che nel 2017 gli aborti in Trentino sono stati 703 mentre nel 2016 erano stati 684. Una minima crescita su base annuale che, ovviamente, ai fini statistici non ha valore mentre il dato resta comunque il secondo più basso di sempre. Nel 2007 erano quasi 1.300

20 gennaio - 19:07

L'allarme è stato lanciato intorno alle 15 dal padre. Il 43enne si trovava da solo in escursione. La macchina dei soccorsi subito in azione, ma per l'uomo non c'è stato nulla da fare

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato