Contenuto sponsorizzato

Il caso dei cartelli Sat sul Cermis con la pubblicità dell'Alpe: ''Il secondo logo è un'anomalia''

Sul Cermis ci sono i cartelli segnaletici con il doppio logo di Sat e Alpe. A monte ci sarebbe un errore del Servizio turismo della Provincia di Trento nell'attribuire una seconda numerazione ai tracciati già a catasto della Società alpinistica tridentina: "Purtroppo ci siamo accorti tardi della delibera"

Foto Alessandro Ghezzer
Di Luca Andreazza - 03 settembre 2018 - 20:39

TRENTO. La segnaletica Sat marchiata Alpe Cermis. Nessuna pubblicità abusiva, ma un semplice "errore". "Comprendiamo - spiegano Anna Facchini, presidente della Sat, e la Commissione sentieri - che ci possano essere interpretazioni fantasiose, ma le tabelle sono frutto di un compromesso, più che di un qualche sbaglio".

 

Una particolarità quella della segnaletica, che ha trovato eco sui social, oltre che tra i numerosi escursionisti che quotidianamente, percorrono quei sentieri. Tra questi anche Alessandro Ghezzer, il noto fotografo e cameraman di professione, appassionato di montagna e escursionismo, profondo conoscitore del territorio.

Vero che le tabelle in questione, che presentano la doppia numerazione dei sentieri presenti nella zona del Cermis, sono state realizzate dalla società Alpe Cermis d'intesa con la Sat, ma è un'anomalia per ovviare a una determina provinciale

 

"E' un compromesso concordato - prosegue la Sat - in quanto ci siamo trovati a intervenire dopo un'errata determina del Servizio turismo della Provincia di Trento".

 

Accortasi della delibera, la Sat non è riuscita a farla annullare. "Alcuni sentieri - commentano Facchini e la Commissione sentieri - già facevano parte del catasto Sat, ma il Servizio provinciale, su richiesta dell'Alpe Cermis, ha attribuito ufficialmente una seconda codifica agli stessi tracciati".

 

A questo si aggiunge che quando la Commissione sentieri Sat si è accorta di questa anomalia si è subito mossa per cercare di correggere questa svista, ma ormai l'Alpe Cermis aveva già stampato e distribuito migliaia di cartine topografiche e pubblicizzato i tracciati.

 

A quel punto per garantire sicurezza e non sprecare ulteriori risorse, la Sat, Alpe Cermis e Servizio turismo hanno raggiunto questo compresso della segnaletica a doppio marchio per garantire le corrette numerazioni.

 

"Abbiamo accettato di buon grado questa soluzione - conclude la Sat - per non arrecare danni a nessuno. Questo non toglie comunque che si tratta di un contesto anomalo che non fa parte delle modalità operative del nostro sodalizio".

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 28 gennaio 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

29 gennaio - 05:01

L'assessore mostra di credere di più nella logica dei numeri e della quantità che in quella della qualità: ''Una destinazione turistica che ha meno di 1 milione di presenze non ha un peso specifico sufficiente per posizionarsi sul mercato mentre è da 3 milioni di presenze che abbiamo la forza per stare sul mercato da veri protagonisti''. Ma la strategia che si vuole perseguire qual è? Quella di una ''riminizzazione'' del territorio? E a Bolzano che hanno 76 enti invece che i 20 trentini sbagliano?

28 gennaio - 19:24

Approvata la mozione proposta da De Menech (Partito democratico) contro lo spopolamento della montagna: “Negli ultimi 20 anni varati dei provvedimenti per contrastare il fenomeno, ma non sono stati sufficienti. Vogliamo stimolare il governo ad aumentare l’impegno”. Il ministro: "Venerdì prossimo ci saranno gli Stati generali sulla Montagna, importante occasione per confrontarci e affrontare nodi ancora irrisolti"

28 gennaio - 18:57

La skiarea trentina di Pejo3000, la prima al mondo a mettere al bando i prodotti plastici, ha lanciato una campagna di comunicazione molto particolare: su piste e impianti sono stati collocati pannelli informativi con le frasi più celebri di molti “big” del passato per sensibilizzare gli sciatori ad abbandonare l'uso della plastica

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato