Contenuto sponsorizzato

Passa la gara e nei boschi compaiono segnaletiche fluo, la Sat: ''Sono benvenuti, ma poi bisogna pulire''

Niente di male, gli eventi sono parte integrante delle proposte del territorio tra indotto, visibilità e conoscibilità, "ma si chiede maggiore sensibilità - dice Anna Facchini, presidente della Sat - nel rimuovere quanto ruota attorno alla manifestazione. Questo per garantire anche maggiore chiarezza ai normali fruitori e escursionisti"

Pubblicato il - 04 settembre 2018 - 10:57

TRENTO. Segni rosa fluo su rocce e alberi. Nessun nuovo tracciato, ma i segni di una gara sul sentiero Sat 442, quello che parte dal Sindeneck, passa per il rifugio Casarota e arriva fino alla cima del Becco Filadonna.

Niente di male, gli eventi sono parte integrante delle proposte del territorio tra indotto, visibilità e conoscibilità, "ma si chiede maggiore sensibilità - dice Anna Facchini, presidente della Sat - nel rimuovere quanto ruota attorno alla manifestazione: dalla segnaletica alle fettucce, così come le indicazioni lungo il percorso. Questo per garantire anche maggiore chiarezza ai normali fruitori e escursionisti".

 

Un "malcostume" sempre più presente sulle montagne e i boschi trentini. "Il nucleo operativo - aggiunge la numero uno della Sat - è sempre attenta, ma i sentieri da monitorare e controllare si sviluppano su 5 mila chilometri e quindi non sempre si può intervenire tempestivamente senza segnalazioni ad hoc".

 

Anche perché i comitati organizzatori, in questo caso extra-provinciali, usano spray da cantiere, materiale che difficilmente scompare nel breve periodo, solitamente se non si interviene per pulire la permanenza media è di circa 12 mesi.

 

"Serve maggiore sensibilità - conclude Facchini - nel non lasciare le immondizie, pulire i tracciati dopo il passaggio e mantenere i sentieri in ordine. Sono semplici regole di buon senso e buona norma".

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.21 del 25 Settembre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

28 settembre - 05:01

Parole dure, quella della massima carica della Lega in provincia di Trento. Parole da fine stratega che bolla Caramaschi ''comunista'' e ricorda che il tempo dei ''doppi giochi è finito'' dimenticandosi del fatto che a Riva del Garda pur di avere qualche speranza di vittoria e per poter dire ''beh almeno lì ce l'abbiamo fatta'' la sua Lega sta facendo di tutto (leggasi accordi per cariche) per accaparrarsi Malfer e il Patt 

28 settembre - 09:23

L'uomo è scivolato in un ghiaione per oltre 200 metri, inutili purtroppo i tentativi di rianimarlo 

28 settembre - 08:18

A comunicarlo è stata l'associazione dei consumatori contro il governo austriaco per la "mala gestione" dei focolai che ad inizio pandemia sono scoppiati a Ischgl 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato