Contenuto sponsorizzato

Il Tribunale ribalta la sentenza e condanna Trentino trasporti: ''Deve pagare quanto dovuto e liquidare le spese processuali''

Dopo aver spostato la rimessa in via Innsbruck, diversi autisti si sono trovati spiazzati al momento di rientrare a fine turno oppure nell'iniziare il servizio. In primo grado il giudice aveva dato ragione a Trentino trasporti, ora la sentenza che cambia tutto. Resta aperta la strada dell'appello in cassazione

Di Luca Andreazza - 21 luglio 2018 - 21:18

TRENTO. Il Tribunale di Trento ribalta la sentenza di primo grado e condanna Trentino trasporti per aver disdettato in forma unilaterale il contratto.

 

Dopo aver spostato la rimessa in via Innsbruck, diversi autisti si sarebbero trovati spiazzati al momento di rientrare a fine turno oppure nell'iniziare il servizio.

 

Alcuni lavoratori si ritroverebbero costretti a allungare i "tempi di lavoro" in media di 24 minuti. Oltre a questo c'è quello di trasferimento di quindici minuti, quasi un'ora in alcuni casi, per raggiungere il deposito e recuperare la propria autovettura e rientrare a casa.

 

Una situazione che riguarda nella fattispecie circa 250 autisti della linea urbana di Trento, ma i cui effetti potrebbero ricadere anche sugli altri settori, quali extraurbano e ferroviario.

 

A quel punto il sindacato Usb ha portato l'azienda in Tribunale per far riconoscere parte della retribuzione oraria. In primo grado era stata data ragione a Trentino trasporti esercizio.

 

L'organizzazione sindacale però non c'era stata e aveva fatto ricorso. Ora è arrivato il ribaltamento di fronte e la sentenza favorevole al sindacato.

 

Il Tribunale di Trento "accerta - si legge nella sentenza - il diritto degli appellanti al computo nell'orario medio giornaliero di 24 minuti della retribuzione oraria tabellare del parametro di riferimento per lo svolgimento delle mansioni di agente unico".

 

E la condanna "di Trentino trasporti esercizio al pagamento di quanto dovuto a tale titolo, con decorrenza dalla sospensione dei pagamenti, da liquidarsi in separato giudizio, accerta il diritto dei ricorrenti per i tempi relativi agli spostamenti da una località ad un'altra per prendere servizio o fare ritorno a servizio compiuto".

 

Inoltre "condanna - conclude la sentenza - l'appellata al pagamento dei relativi emolumenti, da liquidare in separato giudizio, condanna l'appellata alla rifusione delle spese processuale in ambo i gradi, liquidare per ciascun in grado di 6.800 euro, cui 2.600 euro per fase di studio, 1.000 euro per fase introduttiva, 1.000 euro per fase istruttoria/trattazione e 2.200 euro per fase decisionale, oltre 15% rimborso spese forfettarie e accessori come da legge".

 

E' "solo" il giudizio di secondo grado e probabile che la vertenza vivrà un ulteriore capitolo, in questo caso sarà ovviamente Trentino trasporti esercizio a mandare avanti un ricorso per far valere le proprie ragioni.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.22 del 09 Dicembre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

10 dicembre - 05:01

La nuova Giunta della provincia di Trento non ha mai nascosto la sua contrarietà per dei progetti ritenuti troppo ''calati dall'alto'' anche se il calo delle risorse pubbliche impone delle scelte. In Trentino, tra l'altro, ci sono poco quasi 70 Comuni con meno di 1.000 abitanti contro una quindicina in Alto Adige eppure Kompatscher ha scelto (e ottenuto di finanziare) una strada opposta a quella trentina

09 dicembre - 19:38

In una conferenza stampa altisonante, la Lega trentina ha annunciato la sua presenza in piazza in concomitanza con il resto d'Italia per spiegare alla cittadinanza le politiche fiscali del governo giallo-rosso e per dire no a nuove tasse. Peccato che la manovra provinciale finisca proprio per aumentare le imposte (taglio delle esenzioni al pagamento dell'Irpef e dei ticket sanitari per tutti), colpendo i ceti più deboli e favorendo quelli più benestanti

09 dicembre - 12:52

L'usanza di rincorrersi tra "demoni" e "provocatori" è radicata nella tradizione. I Krampus accompagnano San Nicolò, lo scortano mentre dona dolci ai bambini buoni e si scatenano quando il santo se ne va, venendo poi "inghiottiti dalle tenebre". La violenza è parte dunque del rituale, e al di là di come la si consideri, il segreto per non rimanerne vittima è solo uno: tenersene lontani 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato