Contenuto sponsorizzato

Il Tribunale ribalta la sentenza e condanna Trentino trasporti: ''Deve pagare quanto dovuto e liquidare le spese processuali''

Dopo aver spostato la rimessa in via Innsbruck, diversi autisti si sono trovati spiazzati al momento di rientrare a fine turno oppure nell'iniziare il servizio. In primo grado il giudice aveva dato ragione a Trentino trasporti, ora la sentenza che cambia tutto. Resta aperta la strada dell'appello in cassazione

Di Luca Andreazza - 21 luglio 2018 - 21:18

TRENTO. Il Tribunale di Trento ribalta la sentenza di primo grado e condanna Trentino trasporti per aver disdettato in forma unilaterale il contratto.

 

Dopo aver spostato la rimessa in via Innsbruck, diversi autisti si sarebbero trovati spiazzati al momento di rientrare a fine turno oppure nell'iniziare il servizio.

 

Alcuni lavoratori si ritroverebbero costretti a allungare i "tempi di lavoro" in media di 24 minuti. Oltre a questo c'è quello di trasferimento di quindici minuti, quasi un'ora in alcuni casi, per raggiungere il deposito e recuperare la propria autovettura e rientrare a casa.

 

Una situazione che riguarda nella fattispecie circa 250 autisti della linea urbana di Trento, ma i cui effetti potrebbero ricadere anche sugli altri settori, quali extraurbano e ferroviario.

 

A quel punto il sindacato Usb ha portato l'azienda in Tribunale per far riconoscere parte della retribuzione oraria. In primo grado era stata data ragione a Trentino trasporti esercizio.

 

L'organizzazione sindacale però non c'era stata e aveva fatto ricorso. Ora è arrivato il ribaltamento di fronte e la sentenza favorevole al sindacato.

 

Il Tribunale di Trento "accerta - si legge nella sentenza - il diritto degli appellanti al computo nell'orario medio giornaliero di 24 minuti della retribuzione oraria tabellare del parametro di riferimento per lo svolgimento delle mansioni di agente unico".

 

E la condanna "di Trentino trasporti esercizio al pagamento di quanto dovuto a tale titolo, con decorrenza dalla sospensione dei pagamenti, da liquidarsi in separato giudizio, accerta il diritto dei ricorrenti per i tempi relativi agli spostamenti da una località ad un'altra per prendere servizio o fare ritorno a servizio compiuto".

 

Inoltre "condanna - conclude la sentenza - l'appellata al pagamento dei relativi emolumenti, da liquidare in separato giudizio, condanna l'appellata alla rifusione delle spese processuale in ambo i gradi, liquidare per ciascun in grado di 6.800 euro, cui 2.600 euro per fase di studio, 1.000 euro per fase introduttiva, 1.000 euro per fase istruttoria/trattazione e 2.200 euro per fase decisionale, oltre 15% rimborso spese forfettarie e accessori come da legge".

 

E' "solo" il giudizio di secondo grado e probabile che la vertenza vivrà un ulteriore capitolo, in questo caso sarà ovviamente Trentino trasporti esercizio a mandare avanti un ricorso per far valere le proprie ragioni.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 04 marzo 2021
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

05 marzo - 12:30

Numeri in leggero calo in Alto Adige, dove nelle ultime 24 ore si registrano 230 nuovi positivi e 4 decessi. Preoccupa intanto la variante sudafricana, con l'individuazione di 15 casi nella serata di giovedì 4 marzo

04 marzo - 18:04

Il Consiglio provinciale ha approvato una mozione promossa da Lorenzo Ossanna (Patt) che impegna la giunta a controllare che nelle scuole trentine, durante le ore di educazione civica, si parli di autonomia sia sotto il profilo storico che sotto quello istituzionale. Ma cosa significa?

05 marzo - 12:51

Dai 2.626 metri del rifugio Pian dei Fiacconi sulla Marmolada, ai 1.792 del rifugio Caldenave, nel Lagorai. E’ questo ciò che aspetta Guido Trevisan, gestore per oltre 20 anni del Pian dei Fiacconi, tristemente distrutto lo scorso 14 dicembre dopo essere stato travolto da una valanga

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato