Contenuto sponsorizzato

La Transumanza candidata a patrimonio dell'Unesco. Alberto Pattini: ''Una tradizione importante per il nostro territorio"

Con il dossier di candidatura transnazionale è stato formalmente avviato il processo di valutazione internazionale che porterà alla decisione da parte del Comitato di governo dell'Unesco nel novembre 2019

(Foto: Alberto Pattini)
Di gf - 28 marzo 2018 - 14:50

TRENTO. Un lungo costante vagabondare in cerca di libertà e di pace, un’esperienza sensoriale in alpeggio attraverso i paesaggi più belli del pianeta dove una natura rigogliosa risveglia l'anima di chi la contempla in silenzio e con gran rispetto.

 

E' la storia della Transumanza che ora è candidata a diventare patrimonio culturale immateriale dell'umanità Unesco. La storia di chi, con passione, con il proprio gregge nei mesi più freddi scende dall'alta quota fino a valle dove le temperature sono più miti e attendono fino a maggio per poi ritornare.

 

 

Un viaggio che compiono tantissimi pastori trentini, molti dei quali giovanissimi, che hanno deciso di vivere le proprie emozioni tra sentieri, campi e sotto le stelle.

 

La richiesta di candidare la Transumanza come patrimonio dell'Unesco è stata presentata ufficialmente ieri a Parigi dall'Italia, Paese capofila insieme alla Grecia e all'Austria.

In Trentino, a raccontare questa tradizione, è Alberto Pattini che come scrittore, fotografo e regista, in questi ultimi quattro anni è riuscito a valorizzare questa pratica di allevamento millenaria e sostenibile tramite un film dal titolo " Fiume che cammina” e con mostre poetiche e fotografiche che hanno visto oltre 24 mila visitatori al Muse di Trento. Mostre presenti tutt'oggi, fino al 17 giugno, al Museo geologico delle Dolomiti di Predazzo.

 

 

“La Transumanza non era mai stata raccontata – ha spiegato Alberto Pattini – e nel farlo ho cercato di dare dignità ad un lavoro oltre a farlo conoscere. Oggi vedere che ci sono addirittura tre paesi che ne propongono la candidatura a patrimonio dell'Unesco è una grandissima soddisfazione. Un riconoscimento importante come quello già dato alle Dolomiti”

Sempre Pattini in questi mesi sta lavorando ad un'altro documentario sulla transumanza. “E' una tradizione importante della gente alpina e se viene valorizzata come patrimonio Unesco ha una valenza significativa per tutto il territorio, soprattutto per le Alpi. Ci sono anche in Trentino tantissimi giovani che viaggiano con il proprio gregge  e quindi vuol dire che la tradizione può tramandarsi”.

 

Ora con la firma del dossier di candidatura transnazionale è stato formalmente avviato il processo di valutazione internazionale che porterà alla decisione da parte del Comitato di governo dell'Unesco nel novembre 2019.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 16 novembre 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

18 novembre - 12:56

La neve caduta in grandi quantità e appesantita anche da pioggia e temperature in risalita è instabile in molte zone. I tecnici: ''Al di sopra dei 2200 m circa gli abbondanti accumuli di neve ventata degli ultimi giorni sono instabili. Queste possono distaccarsi già in seguito al passaggio di un singolo appassionato di sport invernali e, a livello isolato, raggiungere grandi dimensioni''

18 novembre - 12:33

L'Azienda provinciale per i servizi sanitari: "Visite ambulatoriali e prelievi potranno subire qualche disservizio". Nel frattempo i sindacati Cgil, Cisl e Uil hanno proclamato un'assemblea sindacale per quanto riguarda le autonomie locali per venerdì 22 novembre dalle 9 alle 13 alla Sala della cooperazione in via Segantini a Trento

18 novembre - 12:38

Nel programma domenicale "Non è l'arena", condotto su La7 da Massimo Giletti, è andata in onda una discussione isterica sull'Alto Adige tra Vittorio Feltri e Michaela Biancofiore, decisamente poco utile alla causa della comprensione della realtà provinciale da parte del grande pubblico nazionale. Alla complessità si è preferita la cagnara, perché insulti e visi avvampati - conditi da gravi inesattezze storiche - fanno più audience

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato