Contenuto sponsorizzato

Il Patt vuole far inserire il Santuario di San Romedio nel patrimonio Unesco

La proposta delle Stelle alpine: “Ora che il Santuario di San Romedio è stato perfettamente restaurato e consolidato si potrebbe avviare l’iter per l’ottenimento del riconoscimento quale Patrimonio dell’Umanità”

A sinistra il Santuario di San Romedio, foto di Luca Giarelli (Wikipedia). A destra lo stesso Santuario, foto di Angela Stefanoni (Wikipedia)
Di Tiziano Grottolo - 30 May 2020 - 18:08

TRENTO. Eretto su uno sperone di roccia, nel contesto geografico della Val di Non più precisamente all’interno del territorio del comune di Predaia, il santuario di San Romedio rappresenta a detta di molti uno dei più interessanti esempi di arte cristiana medioevale del Trentino.

 

Il santuario è composto da una serie di strutture collegate: chiese, edicole e cappelle (la più antica risale all’XI secolo) sono messe in comunicazione da una scalinata di 131 gradini che conferisce al complesso una forma del tutto unica e caratteristica. Proprio grazie alla sua originalità, il complesso custodito dai frati dell’ordine di San Francesco d’Assisi, attira ogni anno circa 200mila turisti. Inoltre è diventato anche la casa di un orso (QUI la sua storia).

 

Proprio per queste sue caratteristiche uniche i consiglieri del Patt, Paola Demagri, Ugo Rossi e Michele Dallapiccola hanno depositato una mozione per impegnare la Giunta provinciale a valutare con l’Arcidiocesi di Trento, con i Comuni di Predaia (Coredo), Sanzeno, e Romeno, con la Comunità della Val di Non e con l’Apt di avviare presso l’Unesco l’iter per il riconoscimento del Santuario di San Romedio quale “Patrimonio dell’Umanità”.

 

“Il documento concordato da Provincia, Curia, Comunità della Val di Non e comuni di Coredo (ora Predaia), Sanzeno e Romeno prevedeva interventi per circa 2,6 milioni di euro” affermano gli autonomisti che poi ricordano come il 20  giugno 2013, rispondendo a un’interrogazione l’allora il vice presidente della Pat Alberto Pacher annunciò: “vista la valenza culturale e l’unicità che lo contraddistingue, si ritiene che il complesso di San Romedio possa avere le caratteristiche per ambire ad essere dichiarato sito del Patrimonio dell’Unesco”.

 

Lo stato del Santuario è ottimo, i lavori di restauro infatti si sono conclusi da qualche anno, e per la valorizzazione del luogo sacro era stato siglato un accordo nel maggio 2011 con un protocollo d’intesa che prevedeva la riqualificazione di siti e aree adiacenti per il miglioramento dell’offerta turistica legata all’eremo. “Ora che il Santuario è stato perfettamente restaurato e consolidato si potrebbe avviare l’iter per l’ottenimento del riconoscimento”, sottolineano le Stelle alpine che si sono fatte carico di formulare la proposta in seno al consiglio provinciale.

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 19 giugno 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Sport
20 giugno - 17:00
Mentre in Italia da qualche ora si celebra il mister della nazionale del Paese di Orban in Germania ci si prepara all'ennesimo gesto plateale per [...]
Cronaca
20 giugno - 16:27
Le prime ricostruzioni degli inquirenti ipotizzano che la barca di Garzarella si sia scontrata contro un motoscafo preso a noleggio. Si cerca una [...]
Cronaca
20 giugno - 15:48
L'allerta è scattata in località Pianerotto sul monte Cecilia lungo il percorso della Monselice in rosa nel padovano. La 53enne elitrasferita [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato