Contenuto sponsorizzato

Maxi operazione dei carabinieri, 48 condanne per un totale di quasi due secoli di reclusione

Le indagini avevano individuato tre associazioni criminali che smerciavano hashish, marijuana e cocaina, soprattutto nell'area di Trento Nord. Sequestrati anche un veicolo, oltre dieci mila euro e tre pistole. Cinque persone condannate per sequestro di persona

Pubblicato il - 23 aprile 2018 - 19:34

TRENTO. Quasi due secoli di condanna, 175 anni di reclusione per i 48 imputati dopo la massiccia attività antidroga messa in atto dal Nucelo investigativo provinciale dei carabinieri e arrivata ai primi arresti nel giugno scorso (Qui articolo) dopo le ordinanze emesse dal gip La Ganga su richiesta del pubblico ministero Ognibene della Procura di Trento.

 

L'operazione 'Tavoletta' (quella dell'acceleratore, per significare la velocità delle indagini) aveva evidenziato l'esistenza di tre distinte associazioni che operavano sul territorio trentino e nel Nord Italia nello spaccio di sostanze stupefacenti. Tre nuclei divisi per etnie, ma integrati tra loro in modo da assicurare la copertura di tutta la piazza trentina: un nucleo italiano, un nucleo romeno-albanese e quello composto da nordafricani

 

Un’attività di indagine in grado di impegnare per oltre un anno i militari del Nucleo investigativo, ai quali si sono aggiunti i carabinieri della compagnia di Borgo Valsugana: le tre associazioni criminali smerciavano hashish, marijuana e cocaina, soprattutto nell'area di Trento Nord, nei pressi di diversi locali pubblici della città. Le sostanze stupefacenti sequestrate nell'arco dell'attività erano di 7 chili di hashish, 5 chili di marijuana, 2 chili di cocaina

 

Oggi l'operazione 'Tavoletta' ha visto chiudere la fase processuale davanti al Giudice dell’udienza preliminare di Trento, il dottor Cuccaro: ventidue dei quarantotto imputati hanno scelto il rito abbreviato, mentre i restanti hanno patteggiato le loro pene per un totale di 175 anni di reclusione.  

 

Cinque imputati sono stati inoltre condannati per sequestro di persona: il 23 settembre scorso a Levico avevano privato della libertà personale un imputato e si erano fatti consegnare 7 mila euro per la liberazione, quale controvalore di una partita di droga che alla vittima sarebbero stati sottratti da ignoti.

 

Lo stupefacente sequestrato nell’arco dell’attività è stato completamente confiscato e distrutto. Confisca che ha colpito anche altri oggetti di rilievo sequestrati dall’Arma nel corso dell’operazione, cioè un veicolo utilizzato da un imputato per il trasporto della droga da e per Trento, ora assegnato ai carabinieri. A questo si aggiungono quasi 10.500 euro quale provento dei traffici illeciti e tre pistole con le relative munizioni.

 

L'indagine coordinata da Trento si era diramata anche fuori provincia per toccare anche Verona, Bergamo e Milano. Il gip, nell'ordinanza, ha motivato i mandati di arresto con queste parole: "Sussistono a carico di tutti gli indagati appartenenti alle tre organizzazioni criminali gravi e concreti rischi di recidiva specifica. Quasi tutti gli indagati - scriveva La Ganga - si sono dedicati professionalmente al traffico di droga traendo da esso e solo da esso le fonti dei propri redditi".

 

Il gruppo degli italiani aveva il compito del tramite e del coordinamento delle altre due associazioni. Tra le persone raggiunte da provvedimento di custodia cautelare per associazione a delinquere finalizzata allo spaccio di stupefacenti anche Maurizio Agostini, ex consigliere circoscrizionale della Lega Nord, fermato nel febbraio scorso con tre etti di cocaina.

 

"Questa sentenza - spiegano i carabinieri - è un un altro segnale forte: la risposta della Giustizia è stata pronta e determinata, così come l’impegno dell’Arma del Trentino in termini di pronta repressione alle organizzazioni dedite al traffico di droga".

 

 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 06 luglio 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

07 luglio - 06:01

L’ex veterinario della provincia di Trento contrario all’abbattimento dell’orsa: “Ogni esemplare ha una sua individualità e pertanto si comporta in modo diverso, JJ4 potrebbe aver agito per difendere i cuccioli, perlomeno le andrebbero concesse le attenuanti generiche e data una seconda possibilità. Probabilmnete era con i cuccioli”

06 luglio - 19:07

Come il 14 giugno anche ieri il nucleo sommozzatori dei vigili del fuoco è dovuto partire dalla caserma di Trento e raggiungere l'elicottero via terra. Impressionante il VIDEO che vi mostriamo dove si vede il secondo mezzo (il loro) che arriva quando ormai non c'è più nulla da fare. Degasperi: ''Dopo la prima tragedia avevo interrogato l'Aula per sapere perché non si sta facendo come si è sempre fatto negli anni passati. Nessuno mi ha risposto e ora c'è stato un altro morto con una dinamica identica. Va individuato il responsabile e gli va fatto cambiare lavoro''

06 luglio - 15:45

I controlli si sono concentrati in Val d’Ega, Sarentino, Renon, passo Lavazè, Val Gardena e nelle località di Corvara in Badia e Armentarola 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato