Contenuto sponsorizzato

Morì a 13 anni rifiutato dalle istituzioni dell'accoglienza, una e-mail proverebbe le responsabilità della Provincia

Oggi l'avvocato Canestrini ha depositato presso il Tribunale di Bolzano un atto di opposizione alla richiesta di archiviazione (Qui l'articolo completo del nostro partner Salto.bz)

Pubblicato il - 05 dicembre 2018 - 18:51

BOLZANO. Ci sono nuovi elementi di prova nel processo che riguarda il caso Adan, il tredicenne curdo-iracheno che soffriva di distrofia muscolare e costretto su una sedia a rotelle, morto nell'ottobre dello scorso anno vittima della mancata accoglienza, del rifiuto all'assistenza.

 

Oggi (5 dicembre) l’avvocato della famiglia di Adan, Nicola Canestrini, ha depositato presso il Tribunale di Bolzano un atto di opposizione alla richiesta di archiviazione chiedendo di proseguire le indagini. Ci sarebbe, infatti, una e-mail che proverebbe le responsabilità della Provincia.

QUI L'ARTICOLO COMPLETO DEL NOSTRO PARTNER SALTO.BZ

 

Potrebbe interessarti
Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 22 marzo 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

22 marzo - 21:05

Gli assessori dopo aver organizzato l'evento aperto al pubblico per parlare di educazione di genere hanno blindato l'ingresso a studenti, professori, cittadini con agenti in tenuta antisommossa. Sono volate le botte e alla fine Biesesti ha riacceso gli animi decidendo di uscire dall'ingresso principale dove c'erano i manifestanti

22 marzo - 05:01

Dal ritorno di Carlo Pedergnana al sindaco di Castello Molina di Fiemme. Vengono spesso derubricate a goliardate, scherzi, errori di gioventù. Ma siamo sicuri che su certe cose sia davvero il caso di ridere? Stiamo parlando di saluti romani, bacetti al busto del Duce, tatuaggi con svastiche e fasci littori esposti con orgoglio in casa

22 marzo - 12:41

E' successo ieri pomeriggio a Trento. Due uomini stavano litigando violentemente quando è arrivata una volante della polizia

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato