Contenuto sponsorizzato

Nuova ciclopedonale a Piedicastello, un ''ferro di cavallo'' che non serve a nessuno

Appena terminata, è un discutibile prolungamento di un tratto già esistente. Porta solo alla tangenziale, dove le biciclette sono però vietate

Di Nicolò Tamanini - Liceo Rosmini Trento - 09 maggio 2018 - 19:53

TRENTO. I lavori stradali nel quartiere di Piedicastello sono da poco terminati e salta subito all'occhio il nuovo percorso ciclopedonale. Infatti vicino a dove è stata rifatta la rotatoria, dopo il ponte di San Lorenzo, si è provveduto a costruire, su entrambi i lati della carreggiata, un percorso ciclopedonale lungo 50 metri che forma una sorta di ''ferro di cavallo'' che non porta in nessun luogo ed è anticipato, all'inizio, da un attraversamento ciclopedonale che lo bypassa.

 

 

Il tratto di strada per pedoni e ciclisti, infatti, era già presente seppur inframezzato da un attraversamento quindi non si capisce il senso di questo ulteriore lotto tra l'altro alla luce del fatto che, tecnicamente, il percorso ciclabile si interrompe proprio sul ponte di San Lorenzo. 

 

 

Quindi, mentre a Povo e Villazzano è necessaria una petizione popolare per richiedere al comune una ciclopedonale che colleghi i due sobborghi, a Piedicastello se n'è costruita una dalla dubbia funzionalità e che peraltro porta in direzione della tangenziale.

 

Le corsie dedicate alle biciclette hanno senso se sono collegate tra loro, se portano in direzioni che poi si snodano in altre strade percorribili. Ma è vietato andare in bicicletta in tangenziale e lì, oltre alla tangenziale, c'è ben poco.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.47 del 13 Dicembre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

15 dicembre - 05:01

La prorettrice di Unitn Barbara Poggio: “Le ricerche dimostrano che aumentare i servizi e ridurre i costi degli stessi funzionano meglio degli aiuti economici diretti”. La misura non piace nemmeno ai sindacati: “Le persone decidono di farsi una famiglia se hanno un buon lavoro non per delle vaghe promesse propagandistiche”

14 dicembre - 19:05

Il 14 dicembre dello scorso anno Antonio Megalizzi 29 anni, giornalista, è stato ucciso da un proiettile esploso a Strasburgo, tre giorni prima, in un mercatino di Natale, da un terrorista. Oggi tante iniziative per ricordarlo. In radio una maratona per Antonio e l'amico Bartosz

14 dicembre - 19:51

Si tratta di un uomo di 53 anni di Zambana. Faceva parte di un gruppo di tre persone. I soccorritori sono riusciti ad individuarlo e dopo averlo estratto da sotto la neve, in stato iniziale di ipotermia, è stato trasportato a Merano

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato