Contenuto sponsorizzato

Nuova ciclopedonale a Piedicastello, un ''ferro di cavallo'' che non serve a nessuno

Appena terminata, è un discutibile prolungamento di un tratto già esistente. Porta solo alla tangenziale, dove le biciclette sono però vietate

Di Nicolò Tamanini - Liceo Rosmini Trento - 09 May 2018 - 19:53

TRENTO. I lavori stradali nel quartiere di Piedicastello sono da poco terminati e salta subito all'occhio il nuovo percorso ciclopedonale. Infatti vicino a dove è stata rifatta la rotatoria, dopo il ponte di San Lorenzo, si è provveduto a costruire, su entrambi i lati della carreggiata, un percorso ciclopedonale lungo 50 metri che forma una sorta di ''ferro di cavallo'' che non porta in nessun luogo ed è anticipato, all'inizio, da un attraversamento ciclopedonale che lo bypassa.

 

 

Il tratto di strada per pedoni e ciclisti, infatti, era già presente seppur inframezzato da un attraversamento quindi non si capisce il senso di questo ulteriore lotto tra l'altro alla luce del fatto che, tecnicamente, il percorso ciclabile si interrompe proprio sul ponte di San Lorenzo. 

 

 

Quindi, mentre a Povo e Villazzano è necessaria una petizione popolare per richiedere al comune una ciclopedonale che colleghi i due sobborghi, a Piedicastello se n'è costruita una dalla dubbia funzionalità e che peraltro porta in direzione della tangenziale.

 

Le corsie dedicate alle biciclette hanno senso se sono collegate tra loro, se portano in direzioni che poi si snodano in altre strade percorribili. Ma è vietato andare in bicicletta in tangenziale e lì, oltre alla tangenziale, c'è ben poco.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 6 marzo 2021
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

07 marzo - 11:24

Preoccupa la variante sudafricana che è stata trovata in 15 comuni che per un'altra settimana avranno misure restrittive maggiori. Nelle ultime 24 ore sono aumentati di otto i pazienti ricoverati nei reparti ordinari degli ospedali 

07 marzo - 09:49

"Abbiamo una sede di 500 metri quadri coperti e un parcheggio privato di 18 posti auto con altri parcheggi vicini” ha spiegato l'Imam Aboulkheir Breigheche. Yassine Lafram, presidente dell'Unione delle Comunità Islamiche del nostro Paese: “Con grande sensibilità per il tema della sanità pubblica e un grande senso di appartenenza siamo disponibili a dare il nostro contributo per uscire tutti insieme al più presto da questa situazione”

07 marzo - 09:13

Secondo una prima ricostruzione l’auto, una Fiat Panda, guidata dal 35enne ha accidentalmente invaso la corsia opposta proprio mentre stava sopraggiungendo il furgone guidato dal fratello Manuel. L’impatto è stato terribile, nell’incidente ha perso la vita Amos Dalla Verde

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato