Contenuto sponsorizzato

Piazza Mostra riqualificata, Michele Andreatta vince il concorso bandito dal Comune di Trento

Valorizzazione del Castello del Buonconsiglio e del sarcofago romano ora invisibile, parcheggi per i residenti, bike sharing e spazi per attività commerciali. Già a bilancio i soldi per la prima parte dei lavori

Di Andrea Della Sala (Liceo Prati - Trento) e Francesca Piras (Liceo Cardarelli - Tarquinia) - 23 febbraio 2018 - 16:49

TRENTO. Il vincitore del progetto di riqualificazione di pazza Mostra bandito dal Comune di Trento è l'architetto Michele Andreatta. Avrà seimila euro, mentre al secondo e al terzo progetto classificato mille e 200 euro ciascuno.

 

Secondo classificato è il progetto degli architetti Massimo Peota, Valeria Zamboni, Mario Bonifazi e Davide Consolati, mentre si qualifica al terzo posto l’elaborato dello studio associato Winterle-Weber.

 

Nelle intenzioni di Andreatta, lo spazio tra il Castello del Buonconsiglio e le scuole Sanzio disegnate da Adalberto Libera è diviso in tre nuclei: il primo, una piazza-salotto affacciata sul Castello con in bella evidenza il sarcofago romano oggi quasi invisibile.

 

L'altro nucleo lo spazio pedonale che attraversa via Bernardo Clesio in corrispondenza della porta San Vigilio e arriva, con una rampa del tutto sbarrierata, davanti alla porta San Martino, che dovrebbe diventare il nuovo ingresso del Castello.

 

Infine il terzo nucleo, quello a ovest, con i 29 parcheggi per residenti lungo la strada di accesso, la postazione per il bike sharing e il marciapiede allargato per valorizzare le attività commerciali. Queste in sintesi le caratteristiche della proposta vincitrice.

 

L'assessore Italo Gilmozzi ha assicurato che "i 585 mila euro necessari per intervenire sul primo lotto sono già nel bilancio 2018”. Per il secondo lotto, quello riguardante l'accesso al Buonconsiglio, l'assessore ha aggiunto: “Proporremo al consiglio comunale di stanziare i 940 mila euro previsti con la variazione di bilancio prevista per il mese di marzo”.

 

Piazza Mostra, ecco come diventerà

Ha confermato inoltre il coinvolgimento della comunità per la riqualificazione. La speranza è quella di mantenere la voglia di migliorare e rendere la città bella poiché il bello è qualcosa di cui tutti abbiamo bisogno.

 

La riqualificazione prevede l'ampliamento della zona a traffico limitato a tutta la superficie della piazza (attualmente utilizzata per metà per le soste a pagamento con “stalli blu”) con il mantenimento di un numero minimo di posti auto per i residenti.

 

Previsti anche la valorizzazione dell'accesso al Castello del Buonconsiglio, lungo il lato est, e l'utilizzo della piazza per manifestazioni e attività temporanee di interesse pubblico (spettacoli, conferenze, manifestazioni ludiche e sportive, mercati ed attività di promozione dell'economia e della cultura del territorio).

 

L'intervento complessivo di riqualificazione è stato suddiviso in due lotti. Un primo lotto, per un importo di 585 mila euro inserito nel bilancio 2018, è destinato alla riqualificazione di piazza della Mostra e di via della Mostra.

 

Un secondo lotto, per un importo di 940 mila euro, è destinato alla valorizzazione dell'accesso al castello del Buonconsiglio, a eventuali interventi di valorizzazione del rapporto della piazza con il castello e in generale a interventi di mitigazione degli effetti del traffico in via Bernardo Clesio

 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.50 del 10 Luglio
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

11 luglio - 11:48

Padre Massimo ha comunicato nelle scorse ore la decisione di lasciare il convento attraverso una lettera che è stata spedita ai tanti volontari che lavorano quotidianamente alla mensa dei Cappuccini in via delle Laste. Fra Nicola gestirà al momento il convento mentre arriverà un nuovo frate per la mensa dei poveri 

11 luglio - 11:44
L'allerta è scattata intorno alle 8.30 nella parte finale del sentiero attrezzato Camillo De Paoli a quota 2.200 metri nel gruppo delle Pale di San Martino. Gli escursionisti erano partiti dal rifugio Velo della Madonna e lungo il percorso sono stati investiti da una scarica di sassi. In azione le unità del soccorso alpino
11 luglio - 06:01

Chiarastella Feder, esperta di gestione dei conflitti fra grandi predatori e piccole comunità rurali originaria di Treviso, lavora ormai da 15 anni per il governo della regione canadese dell'Alberta. Impegnata nell'educazione alla convivenza fra esseri umani ed orsi, ha deciso di dedicare la propria attenzione al Trentino e ai recenti fatti dell'aggressione sul Monte Peller. "Uccidere un'orsa è deleterio. La soluzione è educare alla coesistenza e alla conoscenza di questi animali"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato