Contenuto sponsorizzato

Primi due faggi per far rinascere il parco Asburgico, che aspetta l'inaugurazione del Mercatino e Antonella Clerici

Una corsa contro il tempo, vinta. La realtà termale ritorna alla normalità dopo aver incassato un duro colpo in occasione dell'ondata di maltempo. Tanto sostegno ricevuto dalla raccolta fondi. Il direttore: "Progettiamo il futuro"

Di Luca Andreazza - 23 novembre 2018 - 17:16

LEVICO. "Abbiamo raggiunto l'obiettivo prioritario, quello di liberare e aprire nuovamente il parco Asburgico", così il direttore Fabrizio Fronza, che aggiunge: "Tra oggi e domani mettiamo a dimora in zona anfiteatro due faggi arrivati da un vivaio del cremonese". Una corsa contro il tempo, vinta. La realtà termale ritorna alla normalità dopo aver incassato un duro colpo in occasione dell'ondata di maltempo.

 

Un parco praticamente raso al suolo e irriconoscibile. Un posto magico creato agli inizi del '900 che ogni Natale diventa la location perfetta per i mercatini termali. Il grande giardino risale al 1905, realizzato per il diletto degli ospiti del grande albergo delle terme, nel tempo è diventato un'oasi di pace, benessere e bellezza.

La comunità si è stretta intorno al parco, tantissime le persone che hanno aderito alla campagna di raccolti fondi "Addotta un albero". "Un sostegno fondamentale - evidenzia il direttore - per ripartire quanto prima. Abbiamo ricevuto tanti messaggi, così come segni concreti, anche da turisti, visitatori e trentini che vivono all'estero. Se siamo riusciti ad acquistare subito dei faggi, il merito è anche di quelle persone che ci hanno aiutato fin da subito".

 

Il prezzo di un albero in grado rappresentare a dovere la storia e trovare così dimora al parco non è indifferente. Oltre al lavoro di piantumazione, il costo va da mille e 4 mila euro. "Ora abbiamo il quadro completo - dice Fronza - 150 alberi schiantati al suolo, alcuni anche secolari. Ora tutto è in sicurezza, abbiamo pulito e liberato l'area, avviato già alcuni lavori e siamo riusciti a salvare anche diverse piante danneggiate".

Il Parco Asburgico di Levico

 

Il lavoro è ancora tanto, l'attività non si ferma e il parco progetta il futuro. "Siamo estremamente soddisfatti di aprire questo luogo meraviglioso per i Mercatini. Ma i rilievi non sono finiti - spiega il direttore - questa primavera contiamo di mettere a dimora altri alberi, concludere le pavimentazioni, ripristinare il tappeto erboso e le reti. Nell'immediato invece ci concentriamo sul Natale per tornare alla normalità: saranno tante le sorprese".

 

Sorprese ancora top secret, mentre nel frattempo Antonella Clerici e la trasmissione Portobello, il programma in onda su Rai1 alle 21.15 e 22.45, sono pronte a sbarcare a Levico per l'inaugurazione dei Mercatini per sabato 24 novembre

 

"La redazione Rai ha scelto il parco Asburgico - conclude Fronza - come simbolo di quanto accaduto in Trentino e come la popolazione è riuscita a rialzarsi: si è rimboccata le maniche in silenzio per ritornare alla normalità. Per questa occasione le casette del Mercatino restano aperte fino alle 22.30".

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 20 luglio 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

21 luglio - 19:27

Dopo la boutade di Sgarbi che aveva definito il planetario “tre palle su un prato” ecco la mossa del Muse che incassa già alcuni endorsement importanti come quello dell’astronauta Samantha Cristoforetti: “Evento importante per la città di Trento e non solo”. Lanzinger: “Un unicum per tecnologia e innovazione”

21 luglio - 12:18

La storia della squadra di calcio che è diventata un esempio di inclusione e dialogo interculturale vista attraverso gli occhi di Youness Et-tahiri che per un anno ha giocato con il team di Trento e che adesso sta per trasferirsi in un altro club, ma che fa sapere: “Questo è solo un arrivederci”

21 luglio - 19:00

Il consigliere dei Verdi non ha votato il Prg ed è uscito dall'aula puntando il dito contro la maggioranza che ha accettato l'emendamento arrivato dai banchi della minoranza. "In una fase di cambiamenti climatici enormi, dove lo zero termico si alza sempre più e noi insistiamo con le politiche turistiche legate allo sci in luoghi che fra 10/15 anni non avranno più le condizioni per avere la neve"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato