Contenuto sponsorizzato

Sequestrate anche 4 auto e 12 fucili: la polizia di Trento sgomina banda di spacciatori che utilizzava la rotta balcanica

Arrestate 22 persone. Sono stati sequestrati 11,4 chili di stupefacente, 3 chili di marijuana,1 chilo di cocaina, 2 chili di metamfetamine, 0,4 chili di cocaina e 5 chili di hashish, 4 autovetture, una moto, 12 fucili e oltre 13.500 euro in contanti

Pubblicato il - 24 February 2018 - 11:21

TRENTO. Sono stati sequestrati 11,4 chili di stupefacente, 3 chili di marijuana,1 chilo di cocaina, 2 chili di metamfetamine, 0,4 chili di cocaina e 5 chili di hashish, 4 autovetture, una moto, 12 fucili e oltre 13.500 euro in contanti: questo il bilancio di un'articolata indagine compiuta dalla questura di Trento coordinata dalla direzione distrettuale antimafia della locale Procura della Repubblica, eseguita, con il contributo dell’Interpool, della polizia giudiziaria del Tribunale di Trento, la polizia stradale di Trento e la squadra mobile di Verona. Un'operazione che è arrivata a far arrestare 22 persone (11 custodie cautelari in carcere, 5 custodie cautelari agli arresti domiciliari e 6 arresti già avvenuti da novembre 2015 a dicembre 2017) mentre 7 persone restano latitanti all'estero.

 

L’operazione denominata “Zaghi”, iniziata nel novembre 2016, ha avuto il suo epilogo alle prime luci dell’alba di giovedì 22 febbraio. Ha portato alla luce un vasto traffico di sostanze stupefacenti gestito da un’organizzazione criminale transnazionale che operava oltre che nel nostro paese anche in Bosnia, Slovenia e Croazia e vedeva coinvolte 30 persone. I reati contestati vanno dall'associazione finalizzata al traffico illecito di sostanze stupefacenti all'estorsione per arrivare al reato transnazionale.

 

Tutto è cominciato a novembre 2016 quando sulle rive del lago di Canzolino a Pergine, la polizia ha rinvenuto alcuni quantitativi di stupefacenti. Durante le indagini, dirette dal vicequestore Ascione, capo della squadra mobile, i suoi agenti hanno scoperto l'esistenza di una vera e propria banda composta da italiani, bosniaci, croati, marocchini e macedoni che utilizzava le rotte balcaniche (Bosnia, Croazia, Slovenia) per portare droga in Italia. E' nata, quindi, visto il carattere transnazionale dell’operazione, la collaborazione con la S.I.P.A. (State Investigation and Protection Agency) bosniaca, P.N.U.S.K.O.K. (Policijski nacionalni ured za suzbijanje korupcije i organiziranog kriminaliteta) croata e la Polizia Criminale slovena.

 

Nel corso delle indagini gli investigatori italiani, con l’aiuto dei colleghi stranieri, hanno ricostruito le modalità del trasporto, i luoghi, le persone coinvolte e gli altri elementi che consentiranno poi di individuare i componenti e i ruoli della compagine criminale. La collaborazione tra interforze ha permette anche di ricostruire i movimenti della organizzazione dal novembre 2015 alla fine del 2017 tempo nel quale la banda avrebbe comprato droga per circa 1 milione di euro rivendendola al doppio del valore d’acquisto.

 

Il lavoro della questura di Trento ha permesso, quindi, di smantellare questa grossa operazione arrivando a sequestrare, oltre a ingenti quantitativi di droga, anche 4 autovetture, una moto e 12 fucili a conferma della pericolosità del sodalizio.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 18 gennaio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

19 January - 05:01

Antonio Ferro ha spiegato che una persona dopo aver ricevuto la prima dose ha registrato delle "parestesie" poi rientrate. Il direttore: "I benefici della vaccinazione sono senz'altro più importanti e rilevanti rispetto alle controindicazioni"

19 January - 08:53

E' successo nel corso della notte e dopo la prima forte scossa ne son state registrate altre di minore intensità. Il terremoto è stato avvertito in tutto il Paese sono al lavoro i soccorsi 

19 January - 07:51

La coppia è scomparsa da ormai due settimane, il racconto fatto dal figlio non ha convinto i carabinieri. Intanto, su ordine della Procura, l'abitazione è stata posta sotto sequestro

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato