Contenuto sponsorizzato

Sequestrate anche 4 auto e 12 fucili: la polizia di Trento sgomina banda di spacciatori che utilizzava la rotta balcanica

Arrestate 22 persone. Sono stati sequestrati 11,4 chili di stupefacente, 3 chili di marijuana,1 chilo di cocaina, 2 chili di metamfetamine, 0,4 chili di cocaina e 5 chili di hashish, 4 autovetture, una moto, 12 fucili e oltre 13.500 euro in contanti

Pubblicato il - 24 febbraio 2018 - 11:21

TRENTO. Sono stati sequestrati 11,4 chili di stupefacente, 3 chili di marijuana,1 chilo di cocaina, 2 chili di metamfetamine, 0,4 chili di cocaina e 5 chili di hashish, 4 autovetture, una moto, 12 fucili e oltre 13.500 euro in contanti: questo il bilancio di un'articolata indagine compiuta dalla questura di Trento coordinata dalla direzione distrettuale antimafia della locale Procura della Repubblica, eseguita, con il contributo dell’Interpool, della polizia giudiziaria del Tribunale di Trento, la polizia stradale di Trento e la squadra mobile di Verona. Un'operazione che è arrivata a far arrestare 22 persone (11 custodie cautelari in carcere, 5 custodie cautelari agli arresti domiciliari e 6 arresti già avvenuti da novembre 2015 a dicembre 2017) mentre 7 persone restano latitanti all'estero.

 

L’operazione denominata “Zaghi”, iniziata nel novembre 2016, ha avuto il suo epilogo alle prime luci dell’alba di giovedì 22 febbraio. Ha portato alla luce un vasto traffico di sostanze stupefacenti gestito da un’organizzazione criminale transnazionale che operava oltre che nel nostro paese anche in Bosnia, Slovenia e Croazia e vedeva coinvolte 30 persone. I reati contestati vanno dall'associazione finalizzata al traffico illecito di sostanze stupefacenti all'estorsione per arrivare al reato transnazionale.

 

Tutto è cominciato a novembre 2016 quando sulle rive del lago di Canzolino a Pergine, la polizia ha rinvenuto alcuni quantitativi di stupefacenti. Durante le indagini, dirette dal vicequestore Ascione, capo della squadra mobile, i suoi agenti hanno scoperto l'esistenza di una vera e propria banda composta da italiani, bosniaci, croati, marocchini e macedoni che utilizzava le rotte balcaniche (Bosnia, Croazia, Slovenia) per portare droga in Italia. E' nata, quindi, visto il carattere transnazionale dell’operazione, la collaborazione con la S.I.P.A. (State Investigation and Protection Agency) bosniaca, P.N.U.S.K.O.K. (Policijski nacionalni ured za suzbijanje korupcije i organiziranog kriminaliteta) croata e la Polizia Criminale slovena.

 

Nel corso delle indagini gli investigatori italiani, con l’aiuto dei colleghi stranieri, hanno ricostruito le modalità del trasporto, i luoghi, le persone coinvolte e gli altri elementi che consentiranno poi di individuare i componenti e i ruoli della compagine criminale. La collaborazione tra interforze ha permette anche di ricostruire i movimenti della organizzazione dal novembre 2015 alla fine del 2017 tempo nel quale la banda avrebbe comprato droga per circa 1 milione di euro rivendendola al doppio del valore d’acquisto.

 

Il lavoro della questura di Trento ha permesso, quindi, di smantellare questa grossa operazione arrivando a sequestrare, oltre a ingenti quantitativi di droga, anche 4 autovetture, una moto e 12 fucili a conferma della pericolosità del sodalizio.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 18 novembre 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

19 novembre - 10:25

Una decisione irrevocabile, non c'è spazio di contrattazione o ripensamenti. A far traboccare il vaso è stato il mancato sostegno da parte di alcuni componenti di maggioranza sulle modifiche al Prg. "Non ci interessa 'tirare a campare': non intendiamo tradire nessun elettore che ha riposto in noi e nella nostra coalizione la propria fiducia". Ora verrà nominato un commissario per traghettare il Comune a prossime elezioni

19 novembre - 11:11

E' avvenuto al casello di Bolzano Sud, dove la squadra mobile della polizia del capoluogo altoatesino, impegnata in un regolare controllo anticrimine, ha fermato un veicolo con alla guida un pregiudicato 39enne. Dalla successiva perquisizione emergevano una consistente somma di denaro in contanti e 4 etti di cocaina nascosti nell'autoradio

19 novembre - 05:01

C'è voluta una richiesta di accesso agli atti dell'ex assessore Michele Dallapiccola per avere quelle conferme in più, che la Provincia fin dal primo momento non ha voluto comunicare: "Da veterinario alcuni aspetti nella relazione non mi convincono: farò delle interrogazioni". Intanto sulla vicenda è silenzio da piazza Dante

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato