Contenuto sponsorizzato

Tempi biblici in Questura per il rinnovo del permesso di soggiorno. Fino a 10 mesi di attesa

Un disagio che vivono molti stranieri trentini, gente che lavora, che porta i figli a scuola, che paga le tasse. Un problema non da poco, un 'obbligo di dimora' che non si spiega se non con lungaggini burocratiche decisamente esagerate.

Di Donatello Baldo - 07 maggio 2018 - 06:01

TRENTO. Per l'emissione di un permesso di soggiorno, o per il suo rinnovo, la legge prescrive che il rilascio deve avvenire entro sessanta giorni. Due mesi. Ma il tempo di attesa, in Trentino, è molto più lungo: si arriva fino ai 10 mesi, per un permesso che rimane valido per soli due anni. 

 

Un disagio che vivono molti stranieri trentini, gente che lavora, che porta i figli a scuola, che paga le tasse. Come Kamel, di professione cuoco, lavoratore stagionale che tra un periodo e l'altro di attività vorrebbe portare la moglie in Marocco per rivedere la famiglia: "Lei è qui da un paio d'anni - afferma - e vorrebbe tornare per una settimana, al massimo due. E' morto suo zio, anche suo cugino, vorrebbe riabbracciare la famiglia". 

 

Ma non può, impossibile lasciare l'Italia senza un permesso di soggiorno valido. O meglio, per andarsene nessun problema ma il ritorno è poi vietato: non si entra più senza titolo di soggiorno. Se è un'impresa per chi ce l'ha, anche scaduto ma ìcon il rinnovo prenotato, è impensabile per chi sta aspettando la prima emissione. "Per lei si tratta di un rinnovo, per mio figlio di 11 mesi il primo permesso. Ho fatto la richiesta a marzo - spiega - ma se devo aspettare 10 mesi non riuscirò di sicuro prima della stagione estiva e nemmeno prima dell'inverno".

 

Un problema non da poco, un 'obbligo di dimora' che non si spiega se non con lungaggini burocratiche decisamente esagerate. "Io non voglio problemi - spiega - io rispetto le regole e le leggi ma forse è giusto segnalare questa cosa perché richia di portare tanti problemi a tante persone". 

 

Ma i casi sono tanti. Uno studente africano con il permesso in scadenza a fine dicembre ha chiesto il rinnovo due mesi prima e ad oggi non ha ancora ricevuto risposta. Anche lui nella pausa estiva vorrebbe andare a visitare la famiglia che non vede da un paio di anni".

 

Potrebbe andare con un volo diretto verso il suo Paese, ma un volo diretto non esiste e con permesso scaduto e ricevuta di rinnovo non può transitare in altri paesi UE. Quindi non ci può andare. Il permesso di  soggiorno per studio, infatti, ha validità un anno e con gli attuali tempi di  rinnovo si è in possesso di un permesso valido per un periodo brevissimo.

Ma i casi sono anche altri. Anche quello del marito di una cittadina italiana arrivato dall'Egitto. Lui è entrato in Italia con visto di turismo/famiglia di 90 giorni, si è rivolto agli sportelli Cinformi per chiedere appuntamento con la Questura ed il primo giorno disponibile era ben oltre i 90 giorni.

 

In questo periodo non è possibile  lavorare né avere la tessera sanitaria, è quindi rientrato temporaneamente in Egitto (il visto era ad ingresso multiplo e valido  180 giorni) non avendo capito che prima di recarsi in Questura avrebbe  dovuto esaurire i 90 giorni da turista in Italia.

 

Tornato in Italia con ancora giorni di turismo reisidui, si è presentato in Questura dove non è stato possibile raccogliere la richiesta di permesso. E' stato rinviato a Cinformi per un nuovo appuntamento che è stato fissato per la metà di settembre. Da quella data dovrà aspettare altri 10 mesi prima di avere un permesso di soggiorno in mano e poter lavorare.

 

Senza il permesso di soggiorno i problemi sono tanti. Anche quello che impedisce ad una studentessa di andare in gita all'estero, nemmeno a Berlino, nemmeno a Parigi. Un problema, quello dei tempi biblici per il rinnovo di un permesso di soggiorno, che limita anche le ambizioni lavorative, la normale programmazione della vita familiare. 

 

Un inghippo burocratico che si trasforma in discriminazione. Stranieri che sono in Italia da anni devono attendere, mettersi in fila, aspettare mesi e mesi per un timbro che potrebbe essere messo con più celerità, come avviene in molte altre parti d'Italia dove la scadenza dei 60 giorni indicata nella normativa viene tutto sommato rispettata.

 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 19 settembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

20 settembre - 23:37

A livello provinciale l'affluenza alle urne si attesta a circa il 50% degli aventi diritto. Urne aperte anche lunedì 21 settembre dalle 7 alle 15 per rinnovare i consigli comunali e indicare "Sì" o "No" al referendum

20 settembre - 20:58
L'allerta è scattata intorno alle 18 di questa sera, domenica 20 settembre, quando è stato trovato un pezzo di un cadavere. A lanciare l'allarme un pescatore che ha notato una sagoma affiorare dall'acqua. Avviate le indagini da parte della scientifica e dei carabinieri. In azione anche i vigili del fuoco
20 settembre - 20:29

Sono 13 le persone che ricorrono alle cure del sistema sanitario, nessun paziente si trova in terapia intensiva ma 5 cittadini sono in alta intensità. Sono 5.318 i guariti da inizio emergenza e 568 gli attuali positivi. Nel rapporto odierno, domenica 20 settembre, si specifica che 20 sono sintomatici, compreso 1 minorenne, e 8 casi sono ascrivibili ai focolai scoppiati negli ultimi giorni sul territorio provinciale

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato