Contenuto sponsorizzato

Truffe agli anziani, il finto addetto del gas si presenta con il lettore del bancomat. 97enne truffato per 750 euro

E' successo in Cristo Re. Le Forze dell'ordine indagano nel tentativo di bloccare l'accredito sulla banca del truffatore

Pubblicato il - 13 aprile 2018 - 10:22

TRENTO. La tecnologia la usano anche i malviventi che truffano gli anziani. I soldi, ora, vengono sottratti con il lettore bancomat portatile. La disavventura 2.0 è toccata a un 97enne che abita in Cristo Re, che ieri si è visto sfilare 750 euro direttamente dal conto corrente.

 

Poco dopo l'ora di pranzo, aspettando che rimanesse solo in casa, un 35-40enne, come è stato poi descritto, si è presentato alla porta dell'anziano presentandosi come addetto del gas. Doveva - riferisce l'anziano - controllare i contatori. Cosa che ha fatto, ovviamente per finta

 

Il truffatore ha poi spiegato all'anziano che doveva saldare poche centinaia di euro, per mettersi in regola. Soldi in casa non ce n'erano ma il finto addetto del gas ha proposto subito la soluzione: con il lettore POS portatile si può pagare anche con il bancomat.

 

Ecco che con la strisciata della carta i soldi sono stati immediatamente trasferiti dal conto dell'anziano signore a quelli del truffatore. Ora le Forze dell'ordine cercheranno di intercettare la banca di appoggio e bloccare l'accreditamento, ma non sarà facile. 

 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.50 del 10 Luglio
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

11 luglio - 11:48

Padre Massimo ha comunicato nelle scorse ore la decisione di lasciare il convento attraverso una lettera che è stata spedita ai tanti volontari che lavorano quotidianamente alla mensa dei Cappuccini in via delle Laste. Fra Nicola gestirà al momento il convento mentre arriverà un nuovo frate per la mensa dei poveri 

11 luglio - 11:44
L'allerta è scattata intorno alle 8.30 nella parte finale del sentiero attrezzato Camillo De Paoli a quota 2.200 metri nel gruppo delle Pale di San Martino. Gli escursionisti erano partiti dal rifugio Velo della Madonna e lungo il percorso sono stati investiti da una scarica di sassi. In azione le unità del soccorso alpino
11 luglio - 06:01

Chiarastella Feder, esperta di gestione dei conflitti fra grandi predatori e piccole comunità rurali originaria di Treviso, lavora ormai da 15 anni per il governo della regione canadese dell'Alberta. Impegnata nell'educazione alla convivenza fra esseri umani ed orsi, ha deciso di dedicare la propria attenzione al Trentino e ai recenti fatti dell'aggressione sul Monte Peller. "Uccidere un'orsa è deleterio. La soluzione è educare alla coesistenza e alla conoscenza di questi animali"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato