Contenuto sponsorizzato

Un centro espulsioni per migranti anche in Trentino Alto Adige. Ne ha parlato Salvini con Kompatscher

Torna l'ipotesi di un Cpr sul territorio regionale. Nei mesi scorsi le indiscrezioni sull'ubicazione a Roveré della Luna, ma il luogo in cui sorgerà non è stato ancora deciso. L'idea di Minniti portata avanti da Salvini

Pubblicato il - 05 ottobre 2018 - 10:08

TRENTO. Si torna a parlare del Centro di Permanenza per il Rimpatri (Cpr) che Salvini - come Minniti - vorrebbe costruire in ogni Regione, Trentino Alto Adige incluso. Ne ha accennato anche ieri nell'incontro che il ministro dell'Interno ha avuto a Roma con il presidente della Provincia di Bolzano Arno Kompatscher, assieme al presidente della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome e ai governatori di alcune delle più importanti Regioni italiane.

 

Tempo fa si era parlato della possibilità di costruire il Cpr al confine tra le due province, a Roveré della Luna, nella zona delle caserme militari. Ufficialmente non era mai stato detto nulla, e sull'ubicazione non è emerso nulla nemmeno ieri. L'ipotesi è quella di un centro piccolo, per una cinquantina di immigrati.

 

Il nodo portato da Kompatscher all'attenzione di Salvini non è stato il Cpr, quanto la gestione dei flussi migratori via terra, quelli che eccedono alle assegnazioni nazionali in base agli accordi. Salvini sembra intenzionato a far rientrare queste unità all'interno del calcolo della percentuale assegnata a Regioni e Province autonome. 

 

La proposta altoatesina, fatta propria nelle scorse settimane dalla Conferenza delle Regioni, va in questa direzione. "Un sistema di ripartizione equo rappresenta la base per una gestione efficace delle procedure di richiesta di asilo e per le misure ad esso collegate. Solo una soluzione del genere - sottolinea Kompatscher - può consentire di allentare la pressione che grava su determinate Regioni"

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 25 maggio 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

25 maggio - 20:41

L'intervento della Pat si articola in due fasi. Critiche anche Uil e Nursing up: "Ci chiediamo dove siano finiti i finanziamenti economici aggiuntivi che la Provincia ha ricevuto in marzo e maggio dal governo di Roma per sanità e contrattazione, per non parlare poi dei 20 milioni già stanziati nelle finanziarie provinciali per il nuovo contratto del pubblico impiego 2019/2021 e poi soppressi"

25 maggio - 19:16

Ci sono 5.400 casi e 462 decessi in Trentino per l'emergenza coronavirus. I tamponi analizzati sono stati 675 (315 letti da Apss e 360 da Fondazione Mach) per un rapporto contagi/tampone a 0,15%

25 maggio - 18:12
I tamponi analizzati sono stati 675 per un rapporto contagi/tampone che si attesta a 0,15%, il dato più basso da inizio epidemia. Un positivo nelle ultime 24 ore. Il Trentino si porta complessivamente a 5.400 casi e 462 decessi da inizio emergenza coronavirus
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato